Arte Fiera 2017, un'immagine della passata edizione
Arte Fiera 2017, un'immagine della passata edizione

Bologna, 24 gennaio 2018 – Dotta, prima che grassa. E' questa la Bologna che farà da sfondo e da compagna alla 42esima edizione di Arte Fiera (FOTO), l'expo-mercato dedicata alle produzioni artistiche moderne e contemporanee che, dal 2 al 5 febbraio, prenderà possesso dei padiglioni 25 e 26 di BolognaFiere, oltre ad invadere, letteralmente, l'intera città.

image

Le gallerie pronte a presentare al pubblico le loro opere, questa volta, saranno 152, fiancheggiate da 30 espositori del variegato universo grafico ed editoriale e le realtà cittadine coinvolte spazieranno dal MAMbo alla Cineteca e all'Università e dal Teatro Comunale a Fico, senza dimenticare, fra gli altri, il Mast, la Fondazione Golinelli, Palazzo Re Enzo e Palazzo D'Accursio.

Sul solo fronte propriamente fieristico, però, le novità saranno già tante, a cominciare dal convegno internazionale intitolato “Tra mostra e fiera: entre chien et loup”, che, fra il 2 e il 3 febbraio, tratterà del legame sempre più forte che, qui come in tutto il mondo, si sta instaurando tra le due anime della kermesse. Il mercato e la cultura, dunque, legati a doppio filo all'interno di una Main Section arricchita dalla nuova sezione Modernity, che allarga l'orizzonte temporale di una manifestazione spesso associata solo alla contemporaneità, e dal maggiore rilievo conferito alla sezione Polis, pensata specificamente, in sinergia con la rassegna cinematografica curata, al MAMbo, da Mark Nash, per stringere Arte Fiera e Bologna in un abbraccio mai così stretto.

Art City White Night, la notte bianca dell'arte a Bologna (FotoSchicchi)

Accanto alla sezione principale, poi, troveranno posto le personali dell'area Solo Show, con le monografie dedicate al fior fiore degli artisti italiani e al loro rapporto con le tendenze espressive internazionali, oltre a spazi riservati alla fotografia e alle location che ospiteranno il fitto calendario di premi, eventi e conferenze.

Tra i primi, spiccano il Premio Euromobil Under 30, il Premio Angamc alla carriera, il Premio #Contemporary Young lanciato dai giovani imprenditori di Confindustria Emila Area Centro e il Premio Centro Porsche Bologna, ma anche il Premio Rotary Bologna Valle del Samoggia, per l'installazione più creativa, e il Premio Consultinvest.

Fra le altre tavole rotonde in cartello, poi, un posto di rilievo lo occuperanno i convegni “Al di là del muro”, sulle tematiche dell'arte urbana, e “Arte, scienza ed ecologia nell'età dell'antropocene”, pensato per indagare i modi in cui l'arte di oggi impatta sui temi scientifici e ambientali. Se tutto questo non fosse sufficiente, il caleidoscopio di progetti di Art City Bologna provvederà a soddisfare ogni altro desiderio di appassionati della materia e, perché no, semplici (e dotti) curiosi.

Il meglio di Art City in 12 eventi