Sciatori al Corno alle Scale
Sciatori al Corno alle Scale
"La seggiovia del Corno alla Scale è un’opera necessaria per rendere la struttura più moderna e sicura. Ed è un impianto compatibile con tutte le esigenze di tutela ambientale previste dall’accordo di programma siglato con il Ministero, la Regione Emilia-Romagna e la Toscana. E, come per i cammini e il nuovo tratto della Ciclovia del Sole, sarà un progetto strategico per lo sviluppo del turismo...

"La seggiovia del Corno alla Scale è un’opera necessaria per rendere la struttura più moderna e sicura. Ed è un impianto compatibile con tutte le esigenze di tutela ambientale previste dall’accordo di programma siglato con il Ministero, la Regione Emilia-Romagna e la Toscana. E, come per i cammini e il nuovo tratto della Ciclovia del Sole, sarà un progetto strategico per lo sviluppo del turismo sostenibile della nostra Regione. La nuova seggiovia al Corno alle Scale offrirà infatti un importante impulso non solo al turismo invernale, ma sarà funzionale alle attività oudoor praticabili tutto l’anno". Sono le parole con cui l’assessore regionale alle Infrastrutture e Turismo, Andrea Corsini, ha concluso l’incontro di ieri con il sindaco di Lizzano, Sergio Polmonari e alcuni rappresentanti del Comitato ‘Un altro Appennino è possibile’. Incontro convocato dalla Regione per illustrare e informare sull’iter del progetto e sul percorso approvativo per la realizzazione della nuova seggiovia quadriposto che collegherà la Polla al lago Scaffaiolo. "Infine – sottolinea Corsini –, vorrei ricordare anche che lo screening, ossia il primo livello di valutazione previsto per questo genere di interventi, ha dato esito positivo in termini di impatto ambientale. Inoltre, gli aspetti che riguardano la tutela dell’area e le mitigazioni che sono necessarie per realizzare l’opera sono stati analizzati in modo corretto e questo si può ricavare dai contributi tecnici favorevoli espressi dalla Soprintendenza e dall’Ente Parco Emilia Centrale".

L’intervento, ricorda una nota di viale Aldo Moro, nasce sulla base di un accordo di programma, sottoscritto nel 2017 tra l’ufficio dello Sport del Consiglio dei ministri, le Regioni Toscana ed Emilia-Romagna. La scelta progettuale definitiva prevede la realizzazione di una nuova seggiovia quadriposto che collega Polla al Lago Scaffaiolo e che si inserirà lungo il corridoio individuato tra i ‘vecchi’ impianti ‘Direttissima’ e ‘Cupolino’, i quali verranno entrambi rimossi.