di Donatella Barbetta Il Covid blocca anche l’Inps. Dopo l’accertamento di due casi di positività è stata decisa la chiusura temporanea della direzione provinciale dell’Inps di Bologna e dell’Agenzia complessa di Imola. Lo comunica la direttrice provinciale dell’istituto, Danila Casanova. La chiusura, per operazioni di sanificazioni, sarà da oggi a venerdì. Le strutture riapriranno all’utenza lunedì prossimo. Intanto, i contagi aumentano di uno rispetto a lunedì. Nel bollettino, tra la città e la provincia, si registra una vittima, un anziano di...

di Donatella Barbetta

Il Covid blocca anche l’Inps. Dopo l’accertamento di due casi di positività è stata decisa la chiusura temporanea della direzione provinciale dell’Inps di Bologna e dell’Agenzia complessa di Imola. Lo comunica la direttrice provinciale dell’istituto, Danila Casanova. La chiusura, per operazioni di sanificazioni, sarà da oggi a venerdì. Le strutture riapriranno all’utenza lunedì prossimo. Intanto, i contagi aumentano di uno rispetto a lunedì. Nel bollettino, tra la città e la provincia, si registra una vittima, un anziano di 82 anni residente a Casalecchio, e 69 nuovi casi. Vediamoli da vicino: 45 sono sintomatici, di cui 15 considerati sporadici e 30 riconducibili a focolai familiari o di strutture socio-sanitarie o derivanti da frequenza di luoghi pubblici. Due casi sono rientri da regioni italiane, Puglia e Veneto.

"I 45 sintomatici dimostrano che il virus sta circolando – osserva Paolo Pandolfi, direttore del Dipartimento di sanità pubblica dell’Ausl – e 18 di loro sono andati nei Pronto soccorso cittadini. Abbiamo anche un ricovero. Appartengono alla categoria di chi ha sintomi anche quattro persone, che fanno parte di un gruppo di 14, rientrate la scorsa settimana da un giro in bici in Puglia. I loro contatti stretti e i familiari sono in quarantena. E due casi si sono registrati anche a Villa Chiara. I focolai familiari sono 6 o 7. Tra gli asintomatici, un positivo collegato al gruppo che ha fatto karaoke in un locale". Pandolfi ammette di essere preoccupato: "L’andamento dei contagi è in crescita e se continuerà così sarà difficile gestire tutti questi casi, abbiamo bisogno di rinforzare la squadra per il contact tracing". Dei 24 asintomatici, 11 sono sporadici e 13 sono stati inseriti in focolai. Un rientro dalla Moldova.

Passiamo alle scuole: 11 positivi, 9 studenti, un docente e un’educatrice, in sette scuole. Cinque casi, 4 asintomatici e un sintomatico, frequentano la ’Rolandino De Passeggeri’. Per quattro, tutti appartenenti alla stessa classe – emersi durante i tamponi – e legati a un caso indice, l’ultimo giorno di scuola è stato mercoledì scorso. L’intera classe è in quarantena. Un contagio anche in un’altra classe. Un asintomatico, al ’Copernico’, e senza sintomi è anche un’educatrice della ’Fortuzzi’. Ancora un caso, sintomatico, alla ’Zamboni’. Dalla città alla provincia. Asintomatica una docente della primaria ’Caduti per la libertà’ ad Anzola; un asintomatico frequenta la primaria ’Anna Frank’ a Granarolo. Infine, ancora un caso, sintomatico, alla secondaria di primo grado ’Gianni Rodari’ a San Lazzaro. Il Dipartimento di sanità pubblica, in collaborazione con i presidi e i referenti Covid ha preso in carico i positivi e i rispettivi contatti stretti, compagni di classe e personale docente.