Un'ambulanza (Foto archivio)
Un'ambulanza (Foto archivio)

Bologna, 15 aprile 2017 - Tragico incidente, ieri sera alle 23,22, in tangenziale all'uscita 12: una ragazza di 29 anni, Marialaura Dibenedetto, sbalzata dallo scooter Aprilia su cui viaggiava, è morta nello scontro del suo mezzo con un'auto guidata da un ragazzo, nato del '94 .

Il 23enne che era alla guida dell'auto non si è fermato dopo lo scontro ed è stato rintracciato in seguito dalle forze dell'ordine.

Ai controlli dell'alcoltest, è risultato ubriaco (con un tasso di alcol nel sangue quasi 5 volte oltre il limite): è stato arrestato per omicidio stradale ed è ai domiciliari nella sua casa di Marzabotto, a disposizione del Pm di turno Beatrice Ronchi.

La dinamica dei fatti è stata ricostruita dalla Polizia Stadale di Bologna: entrambi i mezzi viaggiavano in direzione Casalecchio quando l'auto ha tamponato lo scooter, la ragazza è stata sbalzata per strada, ha battuto la testa cadendo ed è morta sul colpo. La moto è stata trascinata dall'auto per qualche metro.

Quando si è fermato, il ragazzo alla guida è fuggito a piedi, spaventato da quanto accaduto. Ha poi chiamato il 112, dicendo che l'auto gli era stata rubata. A bordo però c'era un amico, un ragazzo di 21 anni, rimasto leggermente ferito, che agli agenti intervenuti subito dopo l'incidente ha raccontato esattamente quel che era successo.

Una volta rintracciato il 23enne, è scattato il controllo per il tasso alcolico e i test per l'uso di sostanze stupefacenti e poi l'arresto per omicidio stradale. Il tasso dell'alcol nel sangue era di 2,41 grammi/litro quando il massimo 0,5. I risultati degli esami tossicologici, invece, devono ancora arrivare.