Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
24 mag 2022

Bologna, Medaglia d'onore a Otello dalla Casa: "Gli ideali sono tutto"

L'ex prigioniero politico, 97 anni, deportato in Germania dal ’43 al ’45: " Mi catturarono tre SS armate fino ai denti"

24 mag 2022
rosalba carbutti
Cronaca
Otello Dalla Casa, 97 anni, è stato prigioniero politico in Germania dal ’43 al ’45
Otello Dalla Casa, 97 anni, è stato prigioniero politico in Germania dal ’43 al ’45
Otello Dalla Casa, 97 anni, è stato prigioniero politico in Germania dal ’43 al ’45
Otello Dalla Casa, 97 anni, è stato prigioniero politico in Germania dal ’43 al ’45

Bologna, 24 maggio 2022 - Un pezzo di storia vivente della nostra città abita in un condominio in zona San Donato. Otello Dalla Casa, 97 anni, racconta gli anni da prigioniero politico dal 1943 al 1945 in Germania dal divano di casa sua, in attesa di ricevere, il primo giugno in Prefettura, la medaglia all’onore della Repubblica italiana. Una vita spesa per un’idea, da quando accompagnava il padre a mettere i fiori sulla tomba di Andrea Costa, all’impegno a Medicina: nel sindacato, la militanza nel Psi, fino al referendum del 2 giugno per dire sì alla Repubblica. Nella sua casa, dietro il quadretto della Granarolo per cui ha lavorato 25 anni, una foto in bianco e nero che racconta un mondo tragico e purtroppo vero: quello di lui, poco più che diciottenne, catturato dalle SS. Nella foto ha lo sguardo basso e il numero di matricola ben in vista, che lui recita a memoria nonostante siano passati quasi 80 anni. Di quell’Otello sono rimasti i ricordi: i campi di prigionia dove un cartoccio di formaggio aveva il sapore del paradiso, i compagni di branda scomparsi, le miserie e le nobiltà di quegli anni infami. Otello si aspettava di ricevere la medaglia all’onore? "Sono contento che si sia deciso di concedere la medaglia ai deportati. Ma potevano pensarci un poco prima, visto che più della metà dei miei compagni di sventura non c’è più... Il primo giugno ci sarò con mia moglie, mia figlia, mio figlio e i miei tre nipoti". Lei venne catturato il 10 settembre 1943. Che cosa ricorda di quel giorno? "Ero in caserma a Vercelli, mi tolsi con i miei compagni la divisa della fanteria, e con loro tentai di fuggire, ma ci presero gli ufficiali delle SS e ci portarono in un campo di smistamento in Germania. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?