Quotidiano Nazionale logo
9 apr 2022

Un esame da Eurolega: la Virtus è già nel futuro

Domani alla Segafredo Arena il confronto con l’Olimpia mette in palio il primato. Salgono a cinque i positivi per Milano: l’incognita della decisione dell’Asl

massimo selleri
Sport
Alessandro Pajola, 22 anni, regista della formazione di Sergio Scariolo (Ciamillo)
Alessandro Pajola, 22 anni, regista della formazione di Sergio Scariolo (Ciamillo)
Alessandro Pajola, 22 anni, regista della formazione di Sergio Scariolo (Ciamillo)

di Massimo Selleri

Milano ha comunicato che vi è un altro soggetto positivo all’interno del gruppo squadra con il numero di persone contagiate che sale così a 5. Questa segnalazione mette una piccola incertezza sulla partita di domani che vede la Virtus ospitare l’Olimpia.

Al momento non è tanto il numero minimo di giocatori da poter mettere in campo, i meneghini al momento hanno tesserati a sufficienza per poter giocare, quanto il fatto che l’azienda territoriale sanitaria decida di mettere i lombardi in quarantena. Fino qui in casi simili le disposizioni sono cambiate parecchio da zona a zona, anche se nell’ultimo periodo l’isolamento di un intero team di lavoro non è stata una decisione così comune.

Ad oggi, quindi, si gioca con la V nera che si trova in una situazione curiosa: quella di non sapere quali giocatori potrà utilizzare il suo avversario. In ogni caso per la Segafredo si tratta di un test importante anche se l’Olimpia, stando all’ultima partita di Eurolega, sicuramente si presenterà all’appuntamento senza Gigi Datome, fermato da un problema fisico, e senza Sergio Rodriguez, Trey Kell, Troy Daniels e Shavon Shields.

Conquistata la Supercoppa la formazione allenata da Sergio Scariolo è stata accompagnata da una costante: tutte le volte che la squadra è stata chiamata a fare un salto di qualità che confermasse il buon lavoro fatto fin lì, per un motivo o per un altro ha sbagliato.

Molto onestamente il coach bianconero ha ammesso che tutto è nato dalla decisione di non partire subito con un roster lungo che potesse immediatamente assorbire i vari infortuni.

Scelta che, però, ha consentito di aggiungere Daniel Hackett e Toko Shengelia appena è stato possibile ingaggiarli.

Se la V nera domani vince mette in cassaforte il primo posto prendendo quattro punti di vantaggio su Milano a cinque giornata dalla fine della regular season e con entrambe che devono ancora recuperare una partita. La storia insegna che nei playoff più che il piazzamento conta lo stato di forma, ma per gruppo che in corsa è cambiato tanto avere la conferma che si sta viaggiando nella giusta direzione è fondamentale. Ci sarà il pubblico delle grandi occasioni, a dimostrazione di come la sfida con Milano sia realmente il derby d’Italia, e di come oggi per investimenti e per prospettive future la lotta per lo scudetto sia ormai vissuta come una lotta esclusiva tra la V nera e l’Olimpia.

Nel frattempo il club ha reso noto la data e l’orario dell’ottavo di Eurocup, la Virtus ospiterà il Lietkabelis il 20 aprile alle 20,45.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?