Anastacia avrebbe dovuto esibirsi a Civitanova, ma il concerto è stato annullato
Anastacia avrebbe dovuto esibirsi a Civitanova, ma il concerto è stato annullato

Civitanova, 19 giugno 2019 - "Sono una persona che ha acquistato un biglietto per assistere al concerto di Anastacia a Civitanova e sono in attesa di rimborso per l’annullamento del concerto, ma l’organizzazione dell’evento si sta rendendo inadempiente. Nella mia condizione dovremmo essere in diverse centinaia».

Comincia così la mail di un uomo che ha acquistato il biglietto, uno di quelli in difficoltà nel rientrare in possesso dei soldi. Anche la Ciao Tickets, società che gestisce il circuito delle vendite di biglietti per eventi musicali, ha emesso una nota sul suo sito per dire «che a oggi (17 giugno, ndr) non è possibile purtroppo evadere le richieste di rimborso, posto che le somme riscosse sono già state versate al soggetto organizzatore, Cheap & Chic srl, con sede in via Umberto, a Civitanova.

ANASTACIA_32237761_122348

Vi invitiamo, pertanto, a rivolgere le vostre legittime richieste direttamente all’ente organizzatore, l’unico soggetto responsabile in questo senso». Scoppiato il caso dei rimborsi, interviene il responsabile della Cheap & Chic, Marco Petraccia.

«A partire dal 29 giugno – assicura –, saranno rimborsati tutti i biglietti, ieri i primi quattro. Perché tutto questo tempo? Devo mettermi d’accordo con l’organizzazione del concerto, il manager Nicola Convertino».

Petraccia ha anche alcune precisazioni da fare. «Intanto – dice – non ho acquistato l’evento. La mia società è stata un vettore, perché il Comune di Civitanova chiedeva una partita Iva italiana, che Convertino non ha. I soldi incassati dalla vendita dei biglietti sono stati tutti utilizzati per gli acconti e le spese, e nessuno ci ha guadagnato. Se si è tardato con i rimborsi, è stato anche perché era in ballo l’idea di trovare una nuova data per il concerto, e infatti Anastacia tornerà a ottobre, al palas di Civitanova, e stavolta sarà un evento gratuito».

Per la tappa cancellata dello stadio polisportivo erano state vendute alcune centinaia di biglietti. «Siamo nell’ordine di 450 biglietti e di una somma di circa 14 mila euro – spiega Petraccia –. A Civitanova sa quanti ne abbiamo venduti? Solo undici, e un’altra ventina in provincia. Tutto il resto erano di fans che sarebbero arrivati da Bologna, da Brescia, da Bergamo, da Roma, Milano e dall’estero, da Svizzera, Austria e Germania. Riporteremo Anastacia a Civitanova. Nel frattempo, stiano tutti tranquilli: tutti i biglietti, saranno rimborsati».