Quotidiano Nazionale logo
23 apr 2022

"É la dimostrazione del sistema-Ciarapica"

La Squadroni ha reso pubblico il ’dietro le quinte’: "Ecco perché voglio il cambiamento". I commenti di Mei, Ghio e Doria

La conferenza stampa di ieri mattina nella sede elettorale di Silvia Squadroni che ha diffuso la registrazione del ’fuori onda’ (foto De Marco)
La conferenza stampa di ieri mattina nella sede elettorale di Silvia Squadroni che ha diffuso la registrazione del ’fuori onda’ (foto De Marco)
La conferenza stampa di ieri mattina nella sede elettorale di Silvia Squadroni che ha diffuso la registrazione del ’fuori onda’ (foto De Marco)

Con un video dal titolo ‘dietro le quinte’ e che promette di far diventare virale in città, Silvia Squadroni ‘terremota’ la campagna elettorale e attacca quello che definisce il ‘sistema-Ciarapica’. "Ho deciso - spiega - di rendere pubblico lo streaming di un dopo Consiglio comunale per mostrare ai civitanovesi quale sia stato il metodo utilizzato da questa amministrazione e quali siano le sue dinamiche interne. Questa è una diretta accessibile a chiunque si fosse collegato a quel Consiglio comunale. Nulla di segreto, nulla di rubato. Semplicemente acquisito e conservato". Sono le prime parole del suo video di presentazione dello streaming post consiliare. "Prestate attenzione - dice Squadroni ai civitanovesi - al metodo Ciarapica, ai consigli elargiti dal segretario comunale dinanzi e all’imperante presidente del Consiglio, alla distribuzione degli incarichi e alle dinamiche di gestione dei consiglieri comunali. Da avvocato, e a scanso di equivoci, confermo che il video è stato già visionato da esperti avvocati, anche penalisti. Mi hanno confermato la legittimità dell’utilizzo che non invierò all’autorità giudiziaria perché le elezioni si vincono con il consenso e non con le indagini penali. Ma, è importante capire perché io voglio il cambiamento e tutte le persone e tutte le liste che mi sostengono hanno il coraggio di cambiare queste dinamiche".

Per Stefano Mei (M5S) "questo video è il simbolo di 5 anni di amministrazione". Stefano Ghio (Riformiamo) pone la questione "di salvare la città da questi metodi. Se la sensibilità della destra è la legalità, qui viene messa in discussione. Il video non ha rilevanza penale, ma è indubbio che emergano elementi di rilevanza politica". Andrea Doria (SiAmo Civitanova) sottolinea: "Mi sono sempre battuto contro questi signori e questo modo di fare dentro Forza Italia".

Lorena Cellini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?