I carabinieri hanno sentito i testimoni
I carabinieri hanno sentito i testimoni

Porto Recanati, 16 settembre 2019 - Si beccano fuori da un locale notturno di Porto Recanati. Pochi istanti dopo volano botte da orbi tra un gruppetto di cinque-sei extracomunitari contro un altro straniero, che alla fine ha avuto la peggio.

Una nuova furibonda rissa è avvenuta nei pressi dello stesso nightclub di Scossicci davanti al quale la serata precedente c’era stato un tafferuglio, con protagonisti sempre un gruppo di stranieri che avevano aggredito un uomo. L’ultimo episodio è avvenuto domenica mattina, intorno alle 5. Un gruppo di extracomunitari si trovava appena fuori dal locale, quando hanno avuto un diverbio con un altro straniero. Da lì si è generato un autentico parapiglia, l’uomo che è stato letteralmente preso a pugni dalla combriccola. Il trambusto ha però svegliato qualche residente, che in mattinata ha poi informato i carabinieri di quanto avvenuto. Sul fatto indagano i militari della stazione di Porto Recanati, che cercheranno ora di individuare gli autori di quest’ultima rissa.

Secondo una prima ricostruzione fatta dai carabinieri, l’episodio non sarebbe altro che una specie di resa dei conti rispetto alla lite che si era consumata la sera precedente, di fronte allo stesso locale e sempre tra extracomunitari. Motivo della contesa: il mercato della droga. Infatti nella notte tra venerdì e sabato un gruppetto di cinque o sei pakistani, tutti con precedenti penali legati alla droga, avevano aggredito a pugni e cazzotti un macedone. Quindi era subito intervenuto l’addetto alla sicurezza del night, per bloccare la mischia. Peccato che uno del gruppetto, un pakistano sui 35 anni, si era poi preso in malo modo col buttafuori, che per tutta risposta gli aveva rifilato diversi pugni in faccia.

Così il 35enne, dopo averle prese di brutto, era stato soccorso dal 118 e portato all’ospedale regionale di Torrette ad Ancona. Erano arrivati poi anche i carabinieri di Porto Recanati, che avevano individuato i presenti e raccolto le testimonianze per ricostruire il fatto. Due risse che, secondo gli inquirenti, potrebbero avere gli stessi protagonisti, appartenenti a due fazioni diverse per contendersi in quella zona lo spaccio di droga.