Quotidiano Nazionale logo
24 apr 2022

Lube, altra sfida da dentro o fuori Serve il blitz per strappare la bella

Semifinale scudetto, alle 18 gara4 a Trento. Civitanova col morale alto dopo la vittoria di giovedì. Juantorena out

andrea scoppa
Sport
La Lube è chiamata a un’impresa «corsara» (foto Tarantini)
La Lube è chiamata a un’impresa «corsara» (foto Tarantini)
La Lube è chiamata a un’impresa «corsara» (foto Tarantini)

di Andrea Scoppa

Facci sognare Lube! È il giorno di gara4 delle semifinali playoff e i campioni d’Italia alle 18 scendono sul taraflex della Blm Group Arena di Trento per cercare un’altra vittoria. Le telecamere di Rai Sport mostreranno la seconda sfida decisiva per Civitanova: dentro o fuori. Il team di coach Gianlorenzo "Chicco" Blengini ha solo il blitz come risultato da perseguire, la sconfitta infatti significherebbe eliminazione dalla corsa scudetto e abdicare il trono che è biancorosso dal 2019 (nel 2020 la stagione è stata fermata dalla pandemia).

Se in gara1 i dolomitici avevano impressionato all’Eurosuole Forum confermandosi i più in forma ed efficaci nel gioco tra le quattro grandi rimaste, il poderoso 3-0 che la Lube ha rifilato giovedì cambia un po’ la situazione e chissà che non possa cambiare tutto il quadro generale. È evidente infatti che un’impresa corsara oggi non solo allungherebbe la sfida alla "bella" di mercoledì a Civitanova, ma a quel punto vedrebbe la Lube come la grande favorita per tornare in finale dove è sempre arrivata dal 2017. Dalle Marche saranno più di una cinquantina i tifosi che saliranno sulle Dolomiti per sostenere i beniamini biancorossi. I protagonisti in campo saranno ancora gli stessi, l’Itas sarà in formazione tipo e tutti si aspettano una prestazione opposto rispetta a quello opaca, per gioco e personalità, fatta nell’ultimo match.

La Lube sa che dovrà fare i conti con un Alessandro Michieletto e un Matej Kazyiski sicuramente desiderosi di rifarsi e Trento cercherà di fare la differenza col suo sistema di muro-difesa. Tuttavia gara3 ha detto che la Lube non solo non sente già in vacanza o percepisce quella che sembra essere la fine di un ciclo, ma è viva, orgogliosa ed in grado di battere chiunque anche senza capitan Osmany Juantorena. Il cambio di mentalità c’è stato, la faccia cattiva pure, il servizio è tornato arma letale e finalmente sono diminuiti gli errori. Adesso serve un bis. Le maggiori responsabilità offensive le avrà Ivan Zaytsev, si confida nella potenza di Roberlandy Simon e gli occhi saranno puntati in particolare sul giovane Marlon Yant e sull’ex Ricardo Lucarelli che in gara2, a Trento, avevano deluso. Alla stessa ora in programma gara4 dell’infuocata serie tra Modena e Perugia, anche lì i padroni di casa hanno il match ball.

Le formazioni

Itas Trentino: palleggiatore Sbertoli; opposto Lavia; schiacciatori Kazyiski e Michieletto; centrali Podrascanin e Lisinac; libero Zenger. A disposizione D’Heer, Cavuto, Pinali, Albergati, Sperotto, De Angelis. All. Lorenzetti.

Cucine Lube Civitanova: palleggiatore De Cecco; opposto Zaytsev; schiacciatori Yant e Lucarelli; centrali Simon e Anzani; libero Balaso. A disposizione: Sottile, Garcia, Kovar, Juantorena, Diamantini, Jeroncic, Marchisio. All. Blengini.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?