Bologna, 1 marzo 2021 - Gli stessi contagi di ieri, ma con la metà dei tamponi. Raddoppia, quindi, il rapporto tra nuovi positivi e test in Emilia Romagna. Il bollettino Covid del 1° marzo, registra 2.597 casi (ieri 2.610), il 20,8% dei 12.463 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. Una percentuale che, fa sapere la Regione, non è assolutamente indicativa dell’andamento generale visto il numero di test effettuati che la domenica è inferiore rispetto agli altri giorni. Inoltre, nei festivi soprattutto quelli molecolari vengono fatti soprattutto su casi per i quali spesso è atteso il risultato positivo. Purtroppo, si registrano altri 23 decessi.

Aggiornamento Bollettino in Emilia Romagna 2 marzo: leggero calo dei casi 

I dati nazionali Covid in Italia: dati di oggi sul Coronavirus. Bollettino dell'1 marzo: le regioni

Coronavirus in Italia: dati e tabella delle regioni

Sono 13.114 i nuovi casi di Coronavirus in Italia (ieri erano stati 17.455) a fronte di 170.633 tamponi effettuati, determinando un tasso di positività del 7,68%. E' quanto riporta il bollettino del ministero della Salute. I decessi sono stati 246 nelle ultime 24 ore, in aumento rispetto ai 192 registrati ieri.

I guariti sono 10.894 e gli attuali positivi scendono a 424.333 (1.966 in meno rispetto a ieri). I ricoverati nei reparti ordinari sono 19.112, 474 in più rispetto a ieri. Le terapie intensive sono a 2.289 ricoverati (+51 unita') con 171 nuovi ingressi. In isolamento domiciliare sono 402.932 persone. La regione con il maggior numero di casi è l'Emilia Romagna (2.597), seguita da Lombardia (2.135), e Campania (1.896).

Il virus in Emilia Romagna

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia Romagna si sono registrati 263.194 casi di positività. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 8.588 tamponi molecolari, per un totale di 3.412.249. A questi si aggiungono anche 14 test sierologici e 3.875 tamponi rapidi.

Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 1.180 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 585 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 837 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 41,4 anni.

Sui 1.180 asintomatici, 592 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 58 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 18 con gli screening sierologici, 6 tramite i test pre-ricovero. Per 506 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 768 nuovi casi e Modena (533); poi Reggio EmiliaRavenna (181), Cesena (177), Rimini (174), Parma (173), Imola (117). Seguono le province di Ferrara (94), Forlì (68) e Piacenza (42).  Il capoluogo di regione è "molto vicino ad una cifra molto alta degli 800 casi, per cui siamo in una situazione molto complessa", dice Paolo Bordon, direttore generale dell'Ausl bolognese. Il sindaco Merola invoca la zona rossa.

Impennata dell'incidenza settimanale

Sale l'incidenza dei casi di Coronavirus in Emilia Romagna: nella settimana dal 22 al 28 febbraio è di 346 contagi su 100mila abitanti. Per vedere un dato così alto, e tra l'altro con tendenza alla crescita, bisogna andare a quello raggiunto nelle settimane di fine novembre (picco della cosiddetta seconda ondata): 384 del 9-15 novembre, 386 16-22 novembre, 343 23-29 novembre.

A livello regionale nelle settimana 8-14 febbraio l'incidenza era di 242 casi per 100mila abitanti, mentre nella settimana 15-21 febbraio era di 288. Quanto alle singole province, il dato settimanale (22-28 febbraio) più alto è quello della provincia di Rimini con un'incidenza di 466 casi. Segue l'area metropolitana di Bologna con un'incidenza di 434 nell'ultima settimana (era 355 nella settimana 15-21 febbraio, 270 per 8-14 febbraio). Il distretto di Bologna da solo ha un'incidenza di 421 (322 nella settimana 15-21 febbraio, 236 per 8-14 febbraio) e quello imolese di ben 513 (461 nella settimana 15-21 febbraio, 399 per 8-14 febbraio). Seguono la provincia di Modena (incidenza a 388 per 22-28 febbraio); Forlì-Cesena (385, con distretto di Forlì a 295, Cesena a 464); Ravenna (367), Reggio (301), Ferrara (228), Parma (204), Piacenza (155).

Altri 23 morti

Purtroppo, si registrano 23 nuovi decessi: 1 a Piacenza (un uomo di 80 anni); 1 nella provincia di Parma (una donna di 89 anni); 1 nella provincia di Reggio Emilia (un uomo di 82 anni); 5 nella provincia di Modena (quattro donne, rispettivamente di 88, 91, 92 e 103 anni, e un uomo di 85 anni); 1 in provincia di Bologna (una donna di 84 anni); 5 nel Ferrarese (tutti uomini, rispettivamente di 66, 76, 82, 86 e 90 anni); 6 in provincia di Forlì-Cesena (una donna di 87 anni e cinque uomini: di 74, 76, 78, 83 e 85 anni); 2 nel riminese (una donna di 89 anni e un uomo di 97). Nessun decesso nella provincia di Ravenna. Infine, si segnala il decesso di una donna di 66 anni diagnosticata dall’Ausl di Bologna ma residente all’estero: in Albania.

In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 10.566.

Aumentano i ricoveri e terapie intensive

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 969in più rispetto a ieri e raggiungono quota 208.350.

I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 44.278 (+1.605 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 41.667 (+1.476), il 94,1% del totale dei casi attivi.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 236 (+9 rispetto a ieri), 2.375 quelli negli altri reparti Covid (+120).

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 9 a Piacenza (numero invariato rispetto a ieri), 13.a Parma (invariato), 18 a Reggio Emilia (+2), 51 a Modena (+3), 64 a Bologna (+4), 20 a Imola (+1), 24 a Ferrara (-1), 10 a Ravenna (+1), 4 a Forlì (invariato), 6 a Cesena (-1) e 17 a Rimini (invariato).

La mappa dei contagi

I casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono alla provincia in cui è stata fatta la diagnosi, sono così distribuiti: 20.045 a Piacenza (+42 rispetto a ieri, di cui 31 sintomatici), 18.053 a Parma (+173, di cui 128 sintomatici), 33.508 a Reggio Emilia (+270, di cui 116 sintomatici), 46.025 a Modena (+533, di cui 351 sintomatici), 53.906 a Bologna (+768, di cui 360 sintomatici), 9.324 casi a Imola (+117, di cui 70 sintomatici), 15.190 a Ferrara (+94, di cui 21 sintomatici), 20.020 a Ravenna (+181, di cui 105 sintomatici), 9.961 a Forlì (+68, di cui 52 sintomatici), 12.162 a Cesena (+177, di cui 114 sintomatici) e 25.000 a Rimini (+174, di cui 69 sintomatici).

Rispetto a quanto comunicato nei giorni scorsi, sono stati eliminati 5 casi, positivi a test antigenico ma non confermati dal tampone molecolare.

Vaccino anti-Covid, somministrate 393.791 dosi

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, che in questa prima fase riguarda il personale della sanità e delle Cra, compresi i degenti delle residenze per anziani, gli ultraottantenni in assistenza domiciliare e i loro coniugi, se di 80 o più anni, e le persone dagli 85 anni in su (dal oggi, 1° marzo prenotazioni aperte anche per quelle dagli 80 agli 84 anni).

Alle ore 15 sono state somministrate complessivamente 393.791 dosi; sul totale, 139.290 sono seconde dosi, e cioè le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

image

Covid, le altre notizie di oggi

Covid: oggi a Bologna record di contagi. "Rt a 1.34, vicini agli 800 casi"

Bologna verso la zona rossa, Merola: "Subito ulteriori restrizioni"

Zone arancione scuro Emilia Romagna: restrizioni dove e quando

Burioni: "Morti per Covid future evitabili senza i ritardi dei vaccini"

Scuole Forlì: si va verso la chiusura delle superiori da giovedì

I contagi nelle Marche