Ancona, 22 novembre 2020 – Se da una parte il presidente Acquaroli si affida all'indice Rt per sperare in un ritorno delle Marche in zona gialla, dall'altra il bollettino Covid di oggi, 22 novembre, registra un aumento dei contagi. Infatti, sono 529 i nuovi positivi (contro i 452 di ieri) a fronte, tuttavia, di 1.793 tamponi processati (ieri 1.567). Stabile, quindi, il rapporto tra casi e test: 29,5%, che ieri si era attestato al 29,6%. Un altra buona notizia per le Marche che sperano ardentemente di tornare in zona gialla, viene dal fronte degli ospedali che resta stabile: i pazienti ricoverati nei reparti covid sono 630 (lo stesso numero di ieri), e 52 (-11) nei pronto soccorso. Sono diventati 88 coloro che sono assistiti nelle terapie intensive, 2 più di ieri.

Coronavirus Italia: i contagi Covid di oggi. Bollettino e dati in diretta

Le vittime

Le vittime registrate oggi sono 8. Quattro si sono spenti nelle ultime ore (tre abitavano nella provincia di Aascoli Piceno e uno in quella di Macereta). Ma nel triste cmputo delle vittime vanno aggiunte purtroppo anche altri 4 nomi la cui positività al coronavirus è stata definitivamente accertata: 1 viveva nella provincia di Fermo e 3 erano in quella di Ancona, tra loro anche un giovane di 39 anni di Ostra.

I contagi nelle province

Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 3.282 tamponi: 1.793 nel percorso nuove diagnosi e 1.489 nel percorso guariti. I positivi sono 529 nel percorso nuove diagnosi (161 in provincia di Macerata, 139 ad Ancona, 85 a Pesaro e Urbino, 55 a Fermo, 56 ad Ascoli Piceno e 33 da fuori regione), di cui 81 con i sintomi del Coronavirus.

Terapia intensiva covid nelle Marche

Ecco come sono distribuiti gli 88 pazienti in terapia intensiva: 17 a Pesaro, 19 (-2) a Torrette, 11 (+1) a Jesi, 21 (+2) al Covid Hospital di Civitanova Marche, 7 a Fermo, 12 a San Benedetto del Tronto e 1 ad Ascoli Piceno. Nelle aree di semi-intensiva sono assistite 137 persone, 2 meno di ieri: 45 a Pesaro, 20 a Torrette, 1 a Senigallia, 12 a Jesi, 8 a Macerata, 28 al Covid Hospital di Civitanova Marche, 12 a Fermo, 8 (-2) a San Benedetto del 
Tronto e 5 ad Ascoli Piceno. 

Acquaroli "Nelle Marche i contagi rallentano: spero di darvi novità importanti"

I ricoveri nei reparti covid

Gli altri 405 pazienti sono ricoverati in reparti non intensivi: 37 al covid di Pesaro, 40 a malattie infettive, 23 (+2) al Cov4, 2 in ginecologia e 1 bambino in pediatria di Torrette, 46 (-1) all'Inrca di Ancona, 3 al servizio psichiatrico di 
Urbino, 5 a malattie infettive di Fabriano, 47 al covid di Jesi, 28 al covid di Senigallia, 43 a malattie infettive a Macerata, 14 al Covid Hospital di Civitanova Marche, 41 (+1) a malattie infettive di Fermo, 38 (-3) al covid di San Benedetto del Tronto, 24 (+2) a malattie infettive di Ascoli Piceno e 13 presso la casa di cura Villa Serena. In tutta la regione ci sono 14.737 persone in isolamento domiciliare, 255 meno di ieri, mentre nelle strutture territoriali ci sono complessivamente 152 pazienti: 44 a Campofilone (Fermo), 29 a Chiaravalle (Ancona), 55 a Galantara (Pesaro-Urbino), 38 a Macerata Feltria, 24 (+7) a Fossombrone e 3 all'Inrca di Fermo. Rispetto a ieri, ci sono 672 nuovi dimessi-guariti e il totale è 10.447.

L'origine dei contagi

Come si sono originati i contagi odierni? Su 529 casi, 122 sono nati in casa, 27 sul lavoro, 26 in ambienti di socialità, 7 in contesto assistenziale, 21 a scuola; 141 sono frutto di contatti stretti con persone positive, mentre 9 sono stati rilevati grazie allo screening del percorso sanitario.

Covid, le altre notizie di oggi

Acquaroli: "Nelle Marche i contagi rallentano, spero di darvi novità importanti"

Viale: "Attenti, ora il virus può far male a tutti"

I colori delle regioni Emilia-Romagna e Marche verso il giallo

"Ecco perché il vaccino anti Covid è sicuro. Tre milioni di dosi ogni mese da gennaio"

C’erano una volta adunate e processioni. Il Coronavirus ci ha portato via il pubblico

Natale 2020 col Covid, Zampa: "Cenone in pochi, forse possibili spostamenti tra regioni"