Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
12 lug 2022
anna marchetti
Cronaca
12 lug 2022

Aset, il Pd si spacca (ancora) sulle nomine nel cda

Bocciato il nome di Bacchiocchi proposto dalla corrente minoritaria. Mentre i sindaci dei Comuni soci abbandonano l’assemblea

12 lug 2022
anna marchetti
Cronaca
Nicolelli: «. Il segretario Della Dora e la capogruppo Giacomoni se ne devono andare»
Nicolelli: «. Il segretario Della Dora e la capogruppo Giacomoni se ne devono andare»
Nicolelli: «. Il segretario Della Dora e la capogruppo Giacomoni se ne devono andare»
Nicolelli: «. Il segretario Della Dora e la capogruppo Giacomoni se ne devono andare»
Nicolelli: «. Il segretario Della Dora e la capogruppo Giacomoni se ne devono andare»
Nicolelli: «. Il segretario Della Dora e la capogruppo Giacomoni se ne devono andare»

di Anna Marchetti

Il Pd si spacca sull’ingresso di Alberto Bacchiocchi (ex segretario) nel cda di Aset, mentre i sindaci soci minoritari, ieri pomeriggio, hanno abbandonato l’assemblea subito dopo l’approvazione del bilancio consuntivo: non hanno trovato l’accordo sul nome del loro esponente nel cda dell’azienda, se ne riparlerà nella seduta di venerdì 22 luglio.

Il sindaco Massimo Seri invece potrà comunicare i nominativi del Comune di Fano anche nei prossimi giorni, senza aspettare il 22: si parla della conferma del presidente Paolo Reginelli e del vice Vincenzo Galasso e dei nuovi ingressi di Grazia Mosciatti (su indicazione del Pd) e Mattia De Benedittis (in rappresentanza delle liste del sindaco e a discapito di ’In Comune’). Insomma, grande fibrillazione intorno ad Aset e al nuovo cda anche in vista della gestione della vicenda biodigestore.

La divisione del Pd, già manifestata nei mesi scorsi, si è consumata proprio sui candidati al cda di Aset. I consiglieri comunali che fanno riferimento a Futuro Democratico, l’area minoritaria del Partito, (Enrico Nicolelli, Enrico Fumante e Federico Perini) hanno annunciano "la sospensione dal gruppo consiliare Pd", sollecitando alla segretaria provinciale "un confronto politico urgente". "Nell’attesa – spiega Nicolelli – noi saremo tre consiglieri indipendenti che voteranno in maniera autonoma e non risponderanno alle indicazioni del Pd".

Nessuna intenzione di abbandonare il Partito democratico. "Non ci pensiamo proprio – chiarisce Nicolelli –: se qualcuno se ne deve andare sono il segretario Della Dora e la capogruppo Giacomoni, totalmente inadeguati a quei ruoli". A fare esplodere la lite la scelta dei rappresentanti del Pd in Aset: nel direttivo di domenica l’avrebbe spuntata il tandem Vincenzo Galasso-Grazia Mosciatti (proposto dall’area maggioritaria del partito) contro Alberto Bacchiocchi-Monia Porfiri suggerito da Futuro Democratico. "Per volontà dell’attuale maggioranza – lamenta Fd – non si riesce mai ad arrivare a scelte condivise, si pongono veti sulle persone invece che costruire assieme alternative. Non può essere che chi ha vinto il congresso comandi e decida su tutto e chi ha perso sia destinato a soccombere, a tacere e a sottostare gerarchicamente". Della Dora e Giacomoni raccontano una storia differente e la "volontà di riconfermare il vicepresidente Vincenzo Galasso e la consigliera uscente Monia Porfiri. Intenzione rigettata dalla minoranza, che ha invitato Porfiri a farsi da parte ritirando la propria disponibilità per far posto all’ex segretario del Pd fanese Alberto Bacchiocchi".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?