Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
3 mag 2022

"Orgogliosi di don Sandro Il legame resta forte"

Da Montegranaro per assistere alla cerimonia di consacrazione del nuovo vescovo. Fino a settembre il suo posto sarà ricoperto da don Andrea

3 mag 2022
La giunta, il sindaco Ubaldi e non solo alla cerimonia di Pesaro
La giunta, il sindaco Ubaldi e non solo alla cerimonia di Pesaro
La giunta, il sindaco Ubaldi e non solo alla cerimonia di Pesaro
La giunta, il sindaco Ubaldi e non solo alla cerimonia di Pesaro
La giunta, il sindaco Ubaldi e non solo alla cerimonia di Pesaro
La giunta, il sindaco Ubaldi e non solo alla cerimonia di Pesaro

Il primo maggio, nel passaggio da Montegranaro a Pesaro, da semplice parroco, mansione che ha svolto fino all’ultimo, don Sandro Salvucci è diventato monsignore, nuovo vescovo di Pesaro. Ma non l’hanno lasciato andare da solo, i montegranaresi. Tutt’altro. Sono stati circa in 400 i veregrensi ad accompagnarlo fino alla cattedrale, "testimoniando il legame profondo che si è instaurato con il nostro ormai ex parroco", ha commentato il sindaco Endrio Ubaldi, presente in prima fila, accanto al sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, con la giunta montegranarese praticamente al completo. Era presente l’amico di lunga data di monsignor Salvucci, il prefetto Francesco Martino e, per l’occasione, dal Camerun è tornato a Montegranaro anche don Lambert Ayissi.

"È stata una giornata davvero particolare. Dopo 29 anni lascio Montegranaro per stare in una famiglia nuova", ha detto il neo porporato al termine della solenne cerimonia seguita da migliaia di fedeli. "Entrando in cattedrale, ho percepito che questa è la mia nuova casa e la mia famiglia siete voi pesaresi" ha aggiunto, ringraziando tutti indistintamente, riservando un pensiero "per i fratelli della chiesa ortodossa qui presenti e la comunità islamica di Montegranaro".

"È stata una giornata molto importante e una celebrazione fortemente suggestiva" il commiato di Ubaldi ha sottolineato una coincidenza significativa: "La presenza delle tre spighe di grano sia nel gonfalone cittadino sia nello stemma scelto dal nuovo vescovo di Pesaro. Un motivo di gioia e orgoglio per tutta la nostra comunità. Sono grato a colui che per noi resterà sempre don Sandro, per questa scelta". Prima di monsignor Salvucci, Montegranaro era stato una ‘palestra’ anche per don Armando Trasarti "che abbiamo sempre considerato il vescovo della nostra città per la sua forte devozione a San Serafino che, peraltro, accomuna anche don Sandro e spero che entrambi saranno a Montegranaro, il 12 ottobre". Poiché Monsignor Trasarti (vescovo di Fano–Fossombrone-Cagli-Pergola) tra un anno se ne va in pensione, Ubaldi non ha perso tempo e gli ha lanciato un invito: "Se volesse venire a Montegranaro, per noi sarebbe un sogno, visto il suo legame indissolubile con la nostra città. Sarebbe anche una guida per i nuovi sacerdoti".

La comunità, intanto, ha dato il benvenuto a don Andrea, amministratore parrocchiale fino a settembre, quando l’arcivescovo Rocco Pennacchio comunicherà il nome del nuovo parroco.

Marisa Colibazzi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?