Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
18 lug 2022
18 lug 2022

"Ora voglio gli Europei"

Ciclismo: il bondenese Matteo Donegà dopo la vittoria in Nations Cup

18 lug 2022
Donegà sul podio
Donegà sul podio
Donegà sul podio
Donegà sul podio
Donegà sul podio
Donegà sul podio

La bellissima vittoria alla Nations Cup a Calì in Colombia ha dato a Matteo Donegà il morale giusto per tornare a guardare avanti con più grinta. Il campione bondenese del ciclismo su pista, portacolori del Team Friuli che è anche il vivaio della Bahrain ma soprattutto azzurro del team nazionale, ora infatti punta ad Europei e Mondiale. "Mi ero preparato a dovere per la trasferta di coppa del mondo in Colombia, arrivandoci abbastanza in forma – racconta Donegà –, l’omnium è la mia corsa e tutto si giocava l’ultimo giorno che però non era partito nel migliore dei modi. Nello scratch non stavo molto bene con le gambe e l’ho chiuso penultimo, nella seconda prova sono riuscito ad andare un po’ meglio facendo 4° poi ho vinto l’eliminazione e anche la corsa punti finale prendendo il giro e guadagnando i 20punti che mi hanno fatto vincere".

Svolta che ha portato la nazionale in vetta alla classifica di Coppa. "E’ stata una gara in crescendo: partito malissimo, alla fine ho vinto – prosegue – per com’era cominciata, non credevo di vincere. Ero penultimo e mi sembrava impossibile arrivare primo. Anche i tecnici mi avevano detto sarebbe stata dura vincere. E’ stata una sorpresa anche per me. Una gioia doppia". Successo che Donegà dedica soprattutto a se stesso. "E’ stato un anno difficile ma non ho mai mollato – spiega –, mi ero però detto sarebbe stato l’ultimo anno perché non riesco ad entrare in un corpo militare dove va chi vince Coppe del Mondo, e oltretutto aspetto il concorso da 2 anni. Spero che questa medaglia mi aiuti ad entrare. Ora ho più possibilità e mi gioco le mie carte fino alla fine". Successo che gli apre anche porte verso competizioni ancor più prestigiose. "I punti per gli europei e i mondiali li avevo ma non la convocazione – dice –, il ct Marco Villa decide in base al rendimento. Avendo fatto questo risultato in Coppa del Mondo e visto che gli europei sono vicinissimi, dall’11 al 14 agosto a Monaco di Baviera, ho buone probabilità di andarci. Prima, sarò dal 25 al 30 luglio alla Sei giorni di Pordenone e dall’1 al 6 agosto alla Sei giorni di Fiorenzuola, ottime per la preparazione in vista dell’europeo. Poi ad ottobre i mondiali in Francia. Il mio sogno rimane sempre l’Olimpiade, ma so che sarà difficile perchè i posti sono solo 4. La speranza c’è, lavoro anche per quello". Maglia nazionale che gli dà la grinta in più. "Indossarla è il sogno di ogni ciclista – conclude – ogni volta che sono con la nazionale sono orgoglioso di quella maglia e seppure la indosso da 7 anni, ogni volta è sempre un’emozione".

Laura Guerra

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?