Imola, arriva il Tour de France: “Sarà una tappa storica”

Per la prima volta la competizione attraverserà la città e anche l’Autodromo. Il passaggio dei ciclisti è previsto per le 14.45. Il sindaco Panieri: “Siamo pronti”

Il sindaco Marco Panieri con l’assessora Elena Penazzi e l’assessora Elisa Spada

Il sindaco Marco Panieri con l’assessora Elena Penazzi e l’assessora Elisa Spada

Imola, 23 giugno 2024 – Manca una settimana esatta al primo, storico passaggio in città del Tour de France. La gara, che quest’anno prende il via dall’Italia con partenza sabato 29 da Firenze, vivrà domenica 30 la sua seconda tappa, da Cesenatico a Bologna. Dedicata a Marco Pantani, arriverà a Imola attorno alle 14.45. Seguirà il percorso dei campionati del mondo di ciclismo dei 2020, affrontando anche la ormai mitica salita della Gallisterna, per concludersi poi nel capoluogo emiliano.

Per celebrare al meglio l’evento, mattinata all’insegna del mondo della bicicletta in Autodromo. La pista sarà aperta alle bici dalle 8 alle 11 (obbligatorio l’uso del casco). Sempre dalle 8, Ciclistica Santerno, Uisp e Triathlon organizzano un raduno autogestito, con partenza da piazza Senna, comprensivo di ristoro finale. Le stesse associazioni sportive organizzano, gratuitamente, un percorso bici per bambini, aperto a tutti.

Piazza Senna sarà animata con le proposte musicali di Radio Bruno. Aperto il negozio dell’Autodromo (simulatori compresi) e possibilità di pranzare in da Carburo e da Doppio Malto. L’associazione Aver (Associazione velocipedisti eroici romagnoli) proporrà una esposizione di rare bici da corsa storiche. Dalla Torre, lato pista, verrà invece esposto il grande striscione ‘Senna30Years’. Inoltre, le tribune centrali dell’Enzo e Dino Ferrari saranno aperte, a disposizione di chi vorrà vedere la gara anche sul maxi-schermo che proietterà le immagini della corsa in diretta.

Dalle 13, sempre da piazza Senna sarà possibile entrare in Autodromo a piedi e dirigersi lungo il percorso, ai lati della pista, per poter assistere al passaggio della gara direttamente dal tracciato. L’invito del Comune è quello di vestirsi con qualcosa di giallo. Fra le iniziative collaterali, da segnalare martedì alle 21 in biblioteca anche la presentazione del libro di Beppe Conti ‘Il giallo del Tour - Trionfi e tragedie, segreti e misteri della corsa più importante del mondo dal 1903 ai giorni nostri’ (Minerva, 2024).

“Il passaggio del Tour de France rappresenta un momento storico di grande valore per la città, considerando anche quanto Imola coltivi da tempo un rapporto profondo con il ciclismo – commenta il sindaco Marco Panieri –. La città è pronta a vivere l’emozione del suo passaggio”.

Anche Castel San Pietro, dove la carovana gialla è attesa attorno alle 15 in arrivo proprio da Imola, il Comune ha previsto due punti di accoglienza: uno in piazza Galvani, di fianco al Cassero, con intrattenimento musicale, e uno a Osteria Grande, nella piazza appena riqualificata davanti alle Poste, dove si stanno organizzando iniziative con il coinvolgimento degli operatori locali. I tifosi e in generale tutto il pubblico potranno comunque accogliere e seguire la carovana e i corridori lungo l’intero percorso.