Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
9 giu 2022

Terremoto oggi nelle Marche e in Abruzzo, scossa di magnitudo 4.1. Treni fermi per ore

Epicentro in mare: la scossa avvertita lungo la costa. Convogli fermi sino alle 17,30 sull'Adriatica, nel tratto fra Porto San Giorgio e Alba Adriatica

9 giu 2022
irma albertini
Cronaca

Ascoli Piceno, 9 giugno 2022 - Una scossa più forte, a cui ne è seguita una replica più lieve: la terra è tornata a tremare oggi, 9 giugno 2022, tra Marche e Abruzzo e, in via precauzionale,è stata sospeso per ore il traffico ferroviario sulla linea Ancona - Pescara, nel tratto fra Porto San Giorgio e Alba Adriatica. Un treno si è fermato alla stazione di Pedaso per consentire di soccorrere un viaggiatore che si era sentito male. I treni sono ripartiti più di quattro ore più tardi, alle 17,35. Si segnalano ritardi di treni fino a tre ore: bloccati anche 4 frecciarossa.

AGGIORNAMENTO  / Terremoto: nuova scossa oggi ad Ascoli, magnitudo 3,3

Terremoto di 4.1 del 9 giugno: epicentro in mare (Openstreetview)
Terremoto di 4.1 del 9 giugno: epicentro in mare (Openstreetview)

Magnitdo 4,1 e 2,1

La scossa più forte, secondo le misurazioni dell'Ingv (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia), si è verificato alle 13.18, con magnitudo 4.1, profondità di 11 chilometri e con epicentro nel mare Adriatico, di fronte alla costa di Ascoli Piceno. Ma le conseguenze si sono sentite distintamente anche in Abruzzo, in particolare nella provincia di Teramo..

Alcune segnalazioni arrivano anche da Pescara, soprattutto ai piani alti degli edifici, è subito scattato il tam tam sui social.  L'ultima scossa di terremoto con epicentro in mare avvertita dalla popolazione, che si era sentita in particolare lungo la costa picena, si era registrata lo scorso 30 maggio con magnitudo 3.3.

La scossa di oggi è stata preceduta da un'altra più lieve, di magnitudo 2.4, sempre in mare, alle 11.22 e con profondità di 30 chilometri e seguita da un terremoto di magnitudo 3 alle 13.39.

Treni fermi sulla tratta Adriatica

Come detto, la circolazione ferroviaria è stata sospesa, fino alle 17,30, in via precauzionale sulla linea Adriatica, tra Porto San Giorgio e Alba Adriatica. E' stato attivato un servizio bus sostitutivo: risultano interessati al blocco quattro Frecciarossa e alcuni treni regionali. 

Nessun danno

A Grottammare, una scolaresca è uscita all'aperto nel rispetto dei protocolli di sicurezza, poi però è rientrata nelle aule. A Porto San Giorgio (Fermo), in alcune case sono caduti i quadri appesi alle pareti. Molta paura tra la popolazione, ma nessun danno, anche a San Benedetto del Tronto, il maggiore vicino all'epicentro. Il movimento tellurico è stato avvertito in alcuni punti delle città di Ascoli Piceno (che si trova nel cratere sismico del 2016) e anche a Fermo.

Nessun danno a edifici o persone: lo rende noto il Dipartimento della Protezione Civile al termine delle verifiche effettuate con le sale operative delle due regioni e con le autorità locali. 

Ingv: zona sismica

L'appronfondimento dell'Ingv (l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia) spiega che la zona del Mar Adriatico, di fronte alla costa marchigiana, è colpita frequente da terremoti: in particolare qualche chilometro a nord della localizzazione degli ultimi eventi di maggio e giugno 2022 si ricorda una importante sequenza sismica nel 1987 con diversi terremoti anche di magnitudo superiore a 4.0, fino a magnitudo 4.9.

Inoltre, si ricorda il terremoto del 16 agosto 1882 avvenuto al largo di San Benedetto del Tronto (in provincia di Ascoli) con una magnitudo stimata pari a Mw 5.2. La pericolosità sismica di questa area è considerata media. Terremoti anche più forti di quello avvenuto oggi - avverte l'Istituto - sono possibili per quanto la probabilità che si verifichino, ossia la frequenza, non è particolarmente alta. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?