Ancona, 9 maggio 2021 - Come spesso succede quando si aprono nuove fasce d’età per le vaccinazioni anti Covid, ieri mattina è scattato l’assalto per la fascia da 60 a 64 anni. Un’apertura digitale per le prenotazioni che ha coinvolto 29 mila marchigiani. La Regione ipotizza un plateau di 50-60 mila cittadini complessivi che saranno vaccinati a partire da domani mattina. Il quadro complessivo di quella fascia d’età è sotto i centomila abitanti ma vanno tolti anche i molti fragili già vaccinati autonomamente dagli slot ospedalieri, a cominciare da Marche Nord. Dopo i poco più che sessantenni toccherà alla fascia dei cittadini tra 50-59 anni che presentano comorbidità o patologie non gravi. La vaccinazione si aprirà domani ma solo per coloro che presentano patologie senza un elevato grado di rischio.

"Questi cittadini, se seguiti dalle strutture sanitarie regionali, saranno chiamati – afferma la Regione – per fissare l’appuntamento vaccinale direttamente dagli operatori delle strutture stesse. Se non seguiti dalle strutture sanitarie, da lunedì potranno iscriversi alle liste di pre-adesione alla campagna vaccinale per le persone con comorbidità della fascia 50-59 anni non seguite dalle strutture sanitarie. Gli interessati possono iscriversi compilando la scheda nella sezione Vaccini Covid del sito della Regione Marche che sarà attivata da lunedì alle ore 12. Una volta inviata la propria adesione i cittadini saranno richiamati dagli operatori sanitari per concordare l’appuntamento per la somministrazione del vaccino".

Si specifica che nella categoria 50-59 con comorbidità sono comprese le persone con aumentato rischio di sviluppare forme severe di Covid19 seppur senza quella connotazione di gravità riportata per le persone fragili. Rientrano in questa categoria le persone con malattie respiratorie, cardiocircolatorie, neurologiche, diabete/altre endocrinopatie, HIV, insufficienza renale/patologia renale, ipertensione arteriosa, malattie autoimmuni, immunodeficienze primitive, malattia epatica, malattie cerebrovascolari, patologia oncologica. Tutte le informazioni sulla campagna vaccinale nelle Marche sono disponibili al link https://www.regione.marche.it/vaccinicovid.

L’assessore regionale alla Sanità Filippo Saltamartini non ha mancato di sottolineare che tutto questo dipende molto dal rifornimento delle dosi di vaccino: "In seguito all’annuncio del Generale Figliuolo sul via libera ai vaccini per i cittadini che rientrano nella classe di età 50-59 – spiega Saltamartini – si partirà come dalle indicazioni ministeriali dai soggetti che presentano quelle patologie individuate. Allo stesso tempo si stanno predisponendo gli slot utili per la prenotazione dell’intera fascia di età 50-59 anni, che si avvierà entro la settimana successiva, presumibilmente attorno al 17 maggio, compatibilmente con la fornitura delle dosi di vaccino", conclude ricordando che tra pochi giorni riprenderanno le vaccinazioni agli insegnanti e ai caregiver.

La cabina di regia regionale ha attivato anche la procedura per completare le vaccinazioni over ottanta. In ballo ci sono ancora ottomila anziani che non sono stati iscritti o trasportati nei punti vaccinali e che ora saranno contattati direttamente dai medici di base per attivare l’inoculazione a domicilio. In questa maniera le Marche – che a giugno dovrebbe essere rifornite di quasi 500mila dosi – vogliono mantenere la loro posizione di vertice tra le Regioni che vaccinano di più. Infatti, lo staff del governatore Francesco Acquaroli e di Saltamartini è a ridosso del Veneto e poco distante dalla Liguria con il 90,2% di dosi somministrate rispetto al numero di forniture ricevute.

Coronavirus, le altre notizie

Vaccini, Draghi: "Accelerare e aumentare produzione". Ue, ok a nuovo contratto con Pfizer

Rsa: con la Festa della mamma tornano le visite ai parenti. L'ordinanza: ecco le regole

Prenotazioni vaccino 50-59 anni in Emilia Romagna: ecco le regole

Prenotazioni vaccino over 50 nelle Marche: date e come fare