I tifosi del Modena
I tifosi del Modena

Modena, 12 maggio 2019 - I tifosi del Modena sognano di scalare l’alfabeto. Sono stanchi della lettera D e vogliono passare direttamente ad un’altra consonante: la C. Appena è stato dato il là alle prevendite per lo spareggio di oggi i punti vendita sono stati presi d’assalto: «Com’era già accaduto per la gara di Crema – dice Luca Faulisi – mi sono precipitato in una tabaccheria a prendere il biglietto per la partita. Novara non è la sede giusta, facciamocela piacere. Mi piacerebbe che il Modena fosse promosso con una rete di Gustavo Ferretti. Il Rulo è un calciatore che per motivi diversi non ha avuto spazio e questo mi dispiace».

Aggiornamento Spareggio promozione amaro per i gialli

Il desiderio dei tifosi dei canarini è sempre lo stesso, ma le visioni sono diverse: «Mi aspetto una partita avvincente – spiega Marco Cottafava – dove il Modena vinca. Fra i protagonisti vedo Baldazzi e Ferrario. Spero fortemente che la Pergolettese non abbia un minuto di pace». Cambia il protagonista e lo scenario è sempre diverso. Ogni supporter è come un regista che immagina il finale per il suo film: «Ovvio che punto sulla vittoria del Modena – chiosa Federico Benedetti – perché vedo una squadra carica e soprattutto capace di fare bene nelle ultime giornate. Sarei felice se a deciderla fosse Mario Rabiu, in ogni caso forza Modena sempre e comunque».

Telegrafico il commento di Antonio Cacace: «Sono carichissimo per questa partita – scherza Cacace –, non mi interessa il punteggio spero solo che Dio ce la mandi buona». I canarini in questa stagione hanno sofferto le proverbiali sette camicie, ora vedono il sogno: «E’ stato un campionato tosto – dice Alessandro Bocchi – dove ad un certo punto sembrava tutto perduto. La squadra ha avuto una grande forza di reazione, mi auguro che non si vada ai rigori. La voglia di andare in serie C non manca a nessuno».

Il Modena ha l’ultimo ostacolo davanti: «Non importa se siamo andati allo spareggio – spiega Marco Manzini – quello che conta è solo il risultato della partita di Novara. Tre anni fa abbiamo subito un’ingiustizia sportiva, stavolta il dio del calcio si ricorderà di noi». Luca Guidetti si è organizzato in auto con un gruppo di amici: «Il nostro obiettivo – le sue parole – è quello di riprenderci quanto ci è stato tolto a Novara tre anni fa dove arrivò una vera ingiustizia».

C’è fiducia nella tifoseria: «Ho la stessa speranza e ottimismo – chiosa Mattia Bacchelli – che c’era tanti anni fa nello spareggio di Brescello. Ho la convinzione che ancora una volta il pubblico di Modena possa essere determinante. Dobbiamo toglierci da questa lega dove ci sono brutti campi».