Modena, 23 aprile 2018 - Sono tre i gruppi che hanno aderito al bando indetto dal Comune per rilanciare il calcio modenese dopo il fallimento della società. Domani, martedì 24, alle 13 scadono i termini per presentare manifestazione d’interesse nei confronti del nuovo Modena.

L’ultimo gruppo a presentarsi è stato quello del Modena Calcio Ssd, società appena formata il cui 86% è nelle mani dell’imprenditore bresciano Roberto Marai (VIDEOil quale, tra le sue attività, gestisce 57 sale da gioco nel centro e nord italia con un fatturato del suo gruppo vicino ai 150 milioni. Al fianco di Marai, l’ex campione del mondo Luca Toni, indicato come direttore generale, l’imprenditore Alessandro Piccolo (10%) e l’avvocato Domenico Beraldi.

Gli altri due gruppi sono quelli della Pro Modena, con Amadei, Sghedoni, Salerno e Doriano Tosi come direttore sportivo, e della Us Modena dell’avvocato Gianpiero Samorì, degli imprenditori Gibellini, Rossetti oltre a Maurizio Setti patron del Verona