L'arresto per l'incendio viene portato via dai carabinieri (foto Fiocchi)
L'arresto per l'incendio viene portato via dai carabinieri (foto Fiocchi)

Modena, 21 maggio 2019 - Due persone sono morte e tre versano in gravi condizioni a seguito di un violento incendio che è stato appicato nella notte nella sede della polizia municipale a Mirandola (foto), in via Roma. Sedici gli intossicati (video) che hanno dovuto ricorrere alle cure dei sanitari, con i pronto soccorso di tutta la provincia mobilitati per fare fronte all'emergenza sanitaria.

image

Arrestato clandestino

Per il gesto, è stato arrestato il giovane di orgine nordafricana. Si tratta di un clandestino, pare originario del Marocco, ora arrestato per furto aggravato, danneggiamento a seguito di incendio e morte come conseguenza di altro delitto. L’uomo avrebbe forzato l’ingresso della struttura intorno alle 3 di notte (video), per poi appiccare le fiamme. Dopo avere preso di un giubbotto antiproiettile, di un telefono cellulare di servizio, di tre berretti di ordinanza e di qualche suppellettile, ha incendiato alcuni arredi ed è fuggito. E'  stato individuato e bloccato dai militari a circa cento metri dal luogo dell'incendio.

image

Non è ancora chiara la motivazione alla base del gesto, ma non si esclude la pista di una vendetta per un provvedimento della stessa municipale nei suoi confronti. Leonardo Valentini, comandante dei vigili urbani di Mirandola (video) non si sbilancia sull'identità del sospetto."E' tutto da vagliare sulle modalità e sulle ragioni del gesto. Sono state danneggiate anche alcune auto della Municipale". Ma è ormai certo che lo straniero ha numerosi precedenti e che, da ultimo, è stato anche colpito da ordine di espulsione ovviamente non rispettato. Si è dichiarato minorenne, ma - fanno sapere fonti del Viminale - "è stato smentito dai test medici".

image

La Polizia Locale di Roma Capitale ha espresso il proprio cordoglio per le vittime ed i feriti. "Sono molto vicino ai familiari delle persone coinvolte nell'incendio - dice il comandante Antonio Di Maggio - ed esprimo la massima solidarietà per i colleghi e gli agenti di Mirandola. Se le indagini confermassero la natura dolosa dell'incendio, sarebbe un fatto gravissimo".

Esplosione e incendio

​Le vittime

Nel terribile rogo hanno perso la vita una donna di 84 anni, Marta Goldoni, 84 anni, e la sua badante ucraina di 74 anni, Yaroslava Kryvorucnko. Entrambe residenti in un appartamento vicino alla sede della municipale, sarebbero state uccise nel sonno dal fumo. L'anziana era allettata. In condizioni critiche il marito, sempre per via del fumo inalato. 

I feriti

Sono venti i feriti nel rogo, quattro di loro sono in in camera iperbarica. Tutti i feriti sono stati portati in prima istanza all'ospedale di Mirandola, ad eccezione di un paziente immediatamente trasportato a Ravenna con l'elisoccorso per la terapia iperbarica. È in gravi condizioni e la sua prognosi è riservata. Sono stati trasferiti da Mirandola per l'ospedale di Fidenza per la terapia iperbarica tre pazienti tra cui un minore (accompagnato dalla madre dentro la camera iperbarica). Di questi una donna è in condizioni gravi. In tutto sono sei i minori coinvolti: tre sono stati trasferiti in pediatria all'ospedale di Carpi e due sono in osservazione breve intensiva a Mirandola. Nessuno è in pericolo di vita. 

image

La prima chiamata di soccorso è arrivata alle 2,50: al pronto soccorso di Mirandola è stato subito allestito un punto medico avanzato per la gestione dell'alto numero di feriti (video, Stefano Toscani) e sono state attivate le procedure di emergenza.

Palazzo inagibile

Tutto lo stabile dove è avvenuta la tragedia è stato dichiarato inagibile: negli alloggi di edilizia residenziale vivevano 21 persone. "Stiamo lavorando per trovare al più presto una sistemazione a tutte le famiglie - spiega il sindaco di Mirandola, Maino Benatti - e una nuova sede alla polizia municipale".

​Salvini: "Altro che porti aperti"

Pronto il commento del ministro dell'Interno Salvini, appena appresa la notizia. "Altro che aprire i porti, come vuole la sinistra, io lavoro per fermare e mandare tutti a casa questi delinquenti. E se minorenne non mi interessa, deve pagare fino in fondo per la sua bestialità. Azzerare l'immigrazione clandestina, in Italia e in Europa, è un dovere morale: a casa tutti, con la Lega si può". 

LEGGI ANCHEMirandola, incendio nella sede dei vigili urbani. Salvini: "Altro che porti aperti"

Anche il ministro  leghista per la Famiglia e le Disabilità, Lorenzo Fontana ha commentato la tragedia sui social: "Sono vicino ai familiari delle vittime. Un pensiero ai feriti e alla Polizia Municipale", ha scritto.

Lutto cittadino

Sono nove i Comune della Bassa modenese che hanno proclamato per domani, mercoledì 22, il lutto cittadino, sono tutti quelli che fanno parte dell'Unione Comuni Modenesi area nord. Bandiere a mezz'asta e un minuto di silenzio, dunque a Mirandola, ovviamente, ma anche: Camposanto, Cavezzo, Concordia sulla Secchia, Finale Emilia, Medolla, San Felice sul Panaro, San Possidonio e San Prospero. In segno di lutto, i sindaci chiedono ai candidati di sospendere per oggi le iniziative elettorali.

I primi cittadini esprimono "profondo cordoglio" ai famigliari delle vittime dell'incendio. "Oggi è il giorno del lutto e del dolore e chiediamo a tutti - hanno sottolineato i sindaci - di avere rispetto per una vicenda così drammatica per la nostra comunità".