Quotidiano Nazionale logo
19 apr 2022

Vongole e rifiuti pericolosi sotto sequestro nel Padovano: 5 persone denunciate

Vongole di importazione illegale stoccate in un magazzino agricolo a Conche di Codevigo. Abusi edilizi, acque reflue industriali scaricate nei campi, 30 tonnellate di rifiuti abbandonati

featured image
Vongole sotto sequestro

Padova, 19 aprile 2022 – Due chili e mezzo di vongole veraci sequestrati nel magazzino di un’azienda agricola: i mitili erano stati importati illegalmente dal Portogallo, pronte ad essere commercializzate sul mercato veneto. È successo a Conche di Codevigo, nel Padovano. Trovati anche macchinari che scaricavano acque reflue industriali nei campi coltivati e 30 chili di rifiuti, tra cui anche sostanze pericolose.

È il risultato dell’ultima operazione della sezione navale della guardia id finanza di Chioggia. Trovati anche macchinari e utensili utilizzati per la vagliatura del pescato, oltre ad una bilancia professionale e una vasca della capacità di circa 2.500 litri. Il tutto però senza le autorizzazioni necessari e senza rispetto dei requisiti-igienico sanitari. I macchinari, tra l’altro, producevano delle acque reflue industriali che finivano nei terreni agricoli circostanti destinati alla coltivazione del frumento.

Su prescrizione impartita dai veterinari dell'Ulss 6 di Padova, intervenuti su richiesta dei militari, le vongole, 2.450 chili in tutto, "in considerazione del verosimile rischio di contaminazione da agenti patogeni, venivano dichiarate non idonee al consumo umano ed avviate alla distruzione".

L'intervento, con il supporto dall'altro di un un elicottero, veniva esteso al controllo dell'area circostante all'azienda agricola ispezionata dai finanzieri, arrivando così alla scoperta di 30 tonnellate di rifiuti, tra i quali anche rifiuti pericolosi, nonché autoveicoli e imbarcazioni dismesse, idrocarburi ed olii esausti, abbandonati su un'area di 6.500 metri quadri ed all'interno di due edifici, realizzati in abuso edilizio. L'operazione ha comportato, oltre al sequestro dei rifiuti e del magazzino utilizzato per la lavorazione dei molluschi, la denuncia all'autorità giudiziaria di cinque persone.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?