Stefano Bonaccini e Lucia Borgonzoni durante il confronto tv a Cartabianca
Stefano Bonaccini e Lucia Borgonzoni durante il confronto tv a Cartabianca

Bologna, 10 gennaio 2020 - Stefano Bonaccini sopra di tre punti su Lucia Borgonzoni, mentre le liste che li sostengono sono praticamente pari. I sondaggi continuano a menare le danze di questa campagna elettorale. Almeno fino a domani, giorno ultimo per diffonderli, a due settimane dal voto.

E l’ultimissima rilevazione effettuata da Emg Acqua, istituto diretto da Fabrizio Masia, dipinge un nuovo interessante scenario. Stefano Bonaccini, candidato del centrosinistra, è in leggero vantaggio su Lucia Borgonzoni: è indicato infatti al 46,5% delle preferenze degli elettori, mentre la senatrice leghista, candidata del centrodestra alla competizione regionale del 26 gennaio, insegue con il 43,5%. Staccato il candidato del Movimento 5 Stelle, Simone Benini, fermo al 6,5%, che comunque visti i numeri potrebbe rivestire un ruolo decisivo nel far pendere l’ago della bilancia.

Leggi anche Dibattito al Carlino il 21 gennaio

Le liste che sostengono i due principali candidati sono invece appaiate al 45%, a confermare che il risultato delle urne è apertissimo. La Lega, secondo il sondaggio di Emg Acqua, si confermerebbe primo partito, superando il Pd di un punto e mezzo (29,5% contro il 28%). Mentre è la lista del presidente, quella di Bonaccini, a rappresentare la vera sorpresa: è accreditata al 12%, una percentuale che sa già di rosicchiamento deciso di voti nei confronti del Partito Democratico, mentre le altre liste di centrosinistra sono date dall’istituto di Masia al 5%.

Guardando invece alla compagine di centrodestra, Fratellli d’Italia staziona all’8%, mentre Forza Italia, rinvigorita dal capolista Vittorio Sgarbi sotto le Torri, non va oltre il 4%. Vale molto meno di quella di Bonaccini, secondo Emg Acqua, la lista civica di Lucia Borgonzoni, che resta ancorata al 3%. Mentre le altre di centrodestra stazionano allo 0,5%. Il Movimento 5 Stelle come lista invece varrebbe quanto il suo candidato Benini (7%, di poco superiore), mentre le altre liste sono ferme al 3,5%.

Il sondaggio segue quello di due giorni fa diffuso da Antonio Noto, che dava Stefano Bonaccini in calo di due punti (tra il 47 e il 43%) e una Lucia Borgonzoni forte e stabile a un’incollatura, tra il 45 e il 41%. Anche per Noto non è banale il ruolo dei Cinque Stelle, in salita di un punto e compresi in una forbice tra il 5 e il 9%.

Molto diranno queste ultime due settimane di campagna elettorale, soprattutto per quanto riguarda l’importante mole di indecisi. Tra gli eventi il ritorno di Salvini in città, la sfilata dei big del Pd e anche Romano Prodi all’Hotel I Portici di via Indipendenza, domani alle 15 a sostegno di Emma Bonino. e Più Europa. Una sfida a distanza con il vecchio rivale Silvio Berlusconi, di scena all’Hotel Savoia.