Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
28 giu 2022
lorenzo pedrini
Economia
28 giu 2022

Ncr-Biochemical: "Così aiutiamo a depurare"

Premio Mascagni. Bologna, l’attività della Ncr-Biochemical: "Meno costi e spinta alle lavorazioni più complesse"

28 giu 2022
lorenzo pedrini
Economia
Alessio Canfailla, ad della Ncr-Biochemical che ha sedi e unità produttive non soltanto in Italia
Alessio Canfailla, ad della Ncr-Biochemical che ha sedi e unità produttive non soltanto in Italia
Alessio Canfailla, AD della Ncr-Biochemical
Alessio Canfailla, ad della Ncr-Biochemical che ha sedi e unità produttive non soltanto in Italia
Alessio Canfailla, ad della Ncr-Biochemical che ha sedi e unità produttive non soltanto in Italia
Alessio Canfailla, AD della Ncr-Biochemical

BOLOGNA

Depurare quel bene prezioso che è l’acqua a valle dei più disparati procedimenti industriali, ma anche rendere questi ultimi più efficienti, rapidi, remunerativi e sostenibili, con particolare riferimento alle filiere produttive dei settori cartario e saccarifero.

Questi, fin dal 2000, sono i campi di applicazione del know-how scientifico della Ncr-Biochemical dell’ad Alessio Canfailla. E la chiave di tutto sta nell’universo invisibile di quelli che chiamiamo volgarmente additivi.

"Le sostanze di addizione, in particolare gli enzimi e i coadiuvanti che produciamo in una gamma di oltre 450 tipologie e di 23 ‘famiglie’ chimiche a marchio registrato, possono, da un lato, rappresentare l’acceleratore di lavorazioni complesse come quelle legate alla carta e allo zucchero. E, dall’altro, possono fornire una spinta decisiva sulla strada della riduzione dei costi di depurazione delle risorse idriche che transitano da impianti dedicati tra i più vari, innalzando gli standard della svolta ecologica in atto".

Può fare qualche esempio concreto?

"Uno dei nostri fiori all’occhiello resta il trattamento Biocida-Antilimo combinato, che consente elevati standard qualitativi a costi e impatti ambientali contenuti accanto all’assenza di corrosività per le sezioni della macchina a contatto con le acque e gli impasti. Il tutto per fornire un controllo microbiologico adeguato alla tipologia di produzione, allo standard qualitativo e ai costi che il mercato richiede, sulla base di una flessibilità di sistema elevata. Oppure, oggi, stiamo lavorando a un innovativo sistema green di ritenzione, sempre a ridotto impatto ambientale, che consente di ottenere potenziati valori di asciugamento oltre a un ottimo ed efficiente uso e recupero delle fibre vergini per la produzione di carta".

Sullo sfondo di un’Emilia che, però, non è uno dei territori di riferimento del vostro settore.

"Detto che ormai siamo una multinazionale, con uno stabilimento bolognese a Castello d’Argile al quale se ne aggiungono uno nel Varesotto dedicato ai macchinari e filiali sparse tra la Russia e la Cina, in Emilia siamo da sempre un pesce fuor d’acqua, visto che i nostri primi competitor nazionali si trovano a Milano e a Roma. Proprio per questo ci siamo concentrati su mercati di nicchia e su clienti che le multinazionali tendono a non coprire, battendo la via dell’affiancamento continuo e dalla formazione costante, per la costruzione di soluzioni ‘taylor-made’ che leghino a noi i nostri partner in maniera quasi indissoluibile".

E il futuro di Ncr-Biochemical in quale direzione sta procedendo?

"I propositi per i prossimi anni, dopo l’acquisto di un nuovo capannone e l’assunzione di diverse nuove figure di alto profilo professionale, parlano di raddoppio dei livelli di produzione, oltre che di un alacre lavoro per aprirci una strada privilegiata nel mercato statunitense. Ma non trascureremo, come accade da diversi anni, le strategie di crescita per linee esterne, puntando ad altre piccole acquisizioni strategiche in funzione di un ampliamento della gamma di servizi offerti".

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?