Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
7 giu 2022

Il Treno di Dante fermo per due domeniche

Per quella appena trascorsa e la prossima i viaggi programmati sono stati annullati: "Gli orari erano scomodi per i turisti toscani"

7 giu 2022
Passeggeri sul primo viaggio del Treno di Dante del 2022, sabato scorso
Passeggeri sul primo viaggio del Treno di Dante del 2022, sabato scorso
Passeggeri sul primo viaggio del Treno di Dante del 2022, sabato scorso
Passeggeri sul primo viaggio del Treno di Dante del 2022, sabato scorso
Passeggeri sul primo viaggio del Treno di Dante del 2022, sabato scorso
Passeggeri sul primo viaggio del Treno di Dante del 2022, sabato scorso

Il treno di Dante parte con una battuta d’arresto. Il convoglio storico che collega Toscana e Romagna, che ripercorre su rotaia il percorso che il Sommo Poeta fece dopo l’esilio da Firenze, domenica infatti non è partito. E lo stesso accadrà domenica prossima.

La ’programmazione’ è appena iniziata: il primo giro del treno di Dante si è infatti tenuto sabato e vi hanno preso parte 180 persone. Quando è pieno, il convoglio può accoglierne fino a 230. Ieri però il treno è rimasto fermo, diversamente dai programmi. "Il treno di Dante previsto per le ore 11.57 non è arrivato e nessuno in biglietteria aveva informazioni al riguardo – scrive Luciano Marcon –. La partenza delle ore 17.54 era prevista nel display degli orari in partenza". Marcon, che è anche un volontario dell’associazione nazionmale Carabinieri, si è dato da fare per aiutare i presenti.

Il treno di Dante è un’iniziativa privata che sfrutta un convoglio messo a disposizione dalla fondazione Ferrovie dello Stato. La partenza è prevista tutti i sabati e le domeniche fino al 1 novembre. La domenica il treno lascia Firenze alle 8.50 per arrivare a Ravenna alle 11.57. Poi alle 17.54 riparte da Ravenna e torna a Firenze verso le 21.30. E proprio l’orario di arrivo serale nel capoluogo toscano è uno dei motivi per cui il treno ieri non è partito: "Il nostro incarico è stato confermato solo di recente – spiegano dall’organizzazione del Treno di Dante – e ci siamo accorti tardi che l’arrivo alle 21.30 poteva essere un problema. La maggior parte dei passeggeri viene da varie parti della Toscana, e deve prendere un altro treno da Firenze per tornare a casa: abbiamo riprogrammato gli orari in modo da arrivare in stazione alle 21, così che sia più semplice trovare una coincidenza". L’organizzazione punta a riprogrammare le due giornate perse in autunno: "È la stagione più favorevole per il territorio, quella delle feste e delle sagre. A quel punto la programmazione sarà più completa e l’offerta migliore".

Nel frattempo l’organizzazione ha dovuto effettuare dei rimborsi e per scusarsi ha anche offerto a chi aveva prenotato per le due giornate perse la possibilità di partire in un’altra data a scelta, con un biglietto non più di seconda ma di prima classe.

Sara Servadei

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?