Lavoro nero e violazioni in casa di riposo

Ispettori del Lavoro di Ravenna scoprono lavoro nero e gravi violazioni in una struttura di assistenza per anziani: mancanza di contratti, contributi non versati, assenza di visite mediche e formazione, mancata nomina del Responsabile del Servizio di Prevenzione e mancanza di documenti di valutazione dei rischi e piano antincendio. Sanzioni e deferimento per il datore di lavoro.

Lavoro nero e violazioni in casa di riposo

Lavoro nero e violazioni in casa di riposo

Lavoro nero e violazioni in materia di salute e sicurezza: sono gli esiti di mirate verifiche disposte dal personale in forza all’ Ispettorato del Lavoro di Ravenna, all’interno di una struttura di assistenza per anziani in Ravenna, dove sono stati trovati due lavoratori privi di ogni contratto di lavoro, pertanto, completamente irregolari per i quali non sono

stati versati i dovuti contributi. Inoltre, i due lavoratori in nero erano stati avviati al lavoro senza le previste visite mediche e senza la formazione, considerato anche la particolarità del lavoro di assistenza a persone fragili. Nel corso delle verifiche è stato accertato che il datore di lavoro, non solo non aveva nominato il Responsabile del Servizio di Prevenzione, ma anche non aveva preparato il Documento di Valutazione dei Rischi relativo alla struttura ispezionata. Da successivi approfondimenti, gli ispettori hanno anche scoperto che il datore di lavoro non aveva predisposto il necessario piano antincendio e non aveva previsto le obbligatorie misure di evacuazione. All’esito sono state adottate sanzioni pari a diecimila euro ed il trasgressore è stato deferito alle Autorità competenti. Gli investigatori non hanno reso noto il nome della struttura oggetto dell’accertamento.