Cervia (Ravenna), 21 settembre 2019 - E' durata 7 ore, 46 minuti e 54 secondi la grande fatica dell'australiano Cameron Wurf, il primo dei 3mila atleti a tagliare il traguardo dell'Ironman 2019 di Cervia. La bellissima notizia è che, dopo lo sloveno Jaroslav Kovacic arrivato secondo, sul terzo gradino sale un italiano: Giulio Molinari, 31 anni,, pluricampione europeo di Novara. 

Sul podio femminile si confermano tra atlete dalla Germania: Caroline Lehrieder (8.48.23), in seconda posizione Jenny Schulz (8.56.39) e con la medaglia di bronzo Mareene Hufe (9.02.12).

LEGGI ANCHE Gli uomini di ferro - di Paolo Giacomin - Ironman 70.3, Alex Zanardi fa il bis straordinario: "Grazie Cervia" / VIDEO

false

Un evento seguitissimo, che ha richiamato una enorme folla (foto) di persone in spiaggia fino dalle prime luci dell'alba: gli atleti di acciaio sono infatti partiti alle 7.30 (video), con le prime batterie pro uomini e donne, in una perfetta giornata di settembre (foto). Già alle 5.30, in largo anticipo sull’alba, il lungomare di Cervia era popolato da atleti, organizzatori, volontari e curiosi (video).

image

Alle 16,30, gli spettatori erano tutti per lui: l'immenso Alex Zanardi (video) arrivato al traguardo in 8 ore 25 minuti e 30 secondi: un nuovo record che batte quello dell'anno scorso (8h26'’06'') e conferma come l'atleta bolognese non conosca limiti di età e di fatica. Pochi secondi per il nuovo record che significano, però, un anno di intenso e costante lavoro perché gli occhi di Zanardi restano fissi su Tokio 2020. Ottavo posto assoluto e nuovo record mondiale paralimpico sono le due nuove vittorie del grandissimo Alex.

E, a conferma di una caratura davvero fuori da ogni regola umana, domenica Zanardi parteciperà anche all'Iroman  70.3, ossia la mezza distanza. Una sfida che, consumata a poche ore da una fatica come quella di oggi, Ma Alex Zanardi è abituato a sfidare ogni limite umano.

Il clima mite e il mare calmo hanno lasciato ai triatleti le condizioni giuste di gara durante tutto il percorso in giro per la Romagna: gli atleti continueranno ad arrivare fino a questa sera alle 00.30 all’interno della finish line che, quest’anno, è direttamente sulla spiaggia.

image

Allo Start erano presenti anche il presidente della regione Stefano Bonaccini, l’assessore al turismo Andrea Corsini, il sindaco di Cervia Medri e la giunta. Dopo aver intonato assieme al pubblico e ai triatleti azzurri l’Inno di Mameli, hanno sparato il colpo del via di gara per la prima batteria maschile e femminile.

La gara estrema ha messo in fila senza pause 2,8 chilometri di nuoto in mare, 180 in bici e una maratona. Nella località rivierasca sono state infatti "52mila le presenze turistiche e 10 milioni di euro l’indotto di un grande prodotto turistico che genera ricchezza per la località rivierasca nel solo 2019".

false

Parola dell’assessore regionale al turismo Andrea Corsini che ha partecipato alla presentazione dell’evento, al terzo anno a Cervia. Accanto a lui fra gli altri il sindaco di Cervia Massimo Medri e per Ironman Agusti Perez (regional director) e Simona di Domenico (race director). Un evento che genera entusiasmo – ha rimarcato Corsini – anche in vista della candidatura di Bologna e Firenze per le Olimpiadi del 2032 e che potrebbe coinvolgere la Romagna «Possiamo essere protagonisti – ha detto – in questo grande sogno che può diventare realtà».

image

LEGGI ANCHE Si allena per l'Ironman entrando in bici in A14: atleta russo multato

E Ironman Italy Emilia-Romagna (questo il nome ufficiale) è un evento che continua a crescere. Aumentati di circa 300 gli iscritti, l’evento cervese è il più partecipato fra i 40 Ironman che si svolgono nel mondo. Oltre 6.200 gli atleti partecipanti alle varie gare del week end provenienti da 98 Paesi. Il 60 per cento proviene dall’estero, con maggioranza da Regno Unito, Germania e Francia con un incremento di atleti russi. Ma ne arrivano anche da Australia, Finlandia, Brasile, Messico, Giappone, Islanda, Israele e le isole Bermude. Il sogno di tutti è qualificarsi per i mondiali che si tengono ogni anno A Kona, nelle Hawaii.

La gara di nuoto e la maratona si svolgono a Cervia, mentre la prova dedicata alla bici prevede due giri di 90 Km, e si estende oltre che a Cervia, anche nei territori di Ravenna, Forlì, Cesena, Bertinoro e Forlimpopoli che insieme hanno costituito il marchio di ‘Terre del Triathlon’.