Augustus Kargbo arriva dal Crotone
Augustus Kargbo arriva dal Crotone

Reggio Emilia, 2 settembre 2019 - Alle 22 di oggi, all’Hotel Sheraton di Milano, il mercato estivo della stagione 2019-2020 chiuderà i battenti. Dopo la chiusura simbolica delle porte, le squadre non potranno più acquistare nessun giocatore. Prendere o lasciare, in pratica, con il tempo che scorre inesorabile nella clessidra…

Ma la Reggiana non ha aspettato il gong finale ed ha messo a segno nel primo pomeriggio un’operazione in entrata per fornire un’altra freccia al reparto offensivo a disposizione di mister Massimiliano Alvini. Si tratta del promettente Augustus Kargbo, rampante seconda punta classe ’99 di 1.72 m che approda in via Giglioli Valle in prestito dal Crotone sino al termine della stagione.

LEGGI ANCHE La Reggiana espugna il Benelli

Il 20enne Kargbo è originario di Freetown, capitale della Sierra Leone, ed è intenzionato a ripercorrere le orme del suo idolo Mohamed Kallon, il giocatore più rappresentativo della storia calcistica del suo Paese che i più appassionati ricorderanno nell’Inter di Cuper al fianco di Vieri ad inizio Millennio.

Per seguire il suo sogno, Kargbo in Italia ci è arrivato invece nel 2017, proveniente da una delle tante Academy del calcio africano, e, dopo aver vissuto in una casa famiglia ed aver lasciato in patria la madre e due fratelli, è approdato al Campobasso, in Serie D, dove nella stagione 2017-18 gioca soltanto da novembre a causa di un ritardo nel transfer. 

Sei reti e tre assist in 20 presenze gli valgono la chiamata del Crotone, che lo gira in prestito per la prima parte della scorsa stagione nuovamente in D, al Roccella, dove segna 3 reti e mette a segno un assist prima di tornare in Calabria a gennaio, dove raccoglie 5 gettoni in Serie B. L’acquisto di Kargbo rappresenta per Alvini un’alternativa a Rodriguez e Marchi, con un giocatore dotato di grande progressione ed attitudine al dribbling, in grado di accentrarsi per arrivare al tiro.

Parallelamente, il club granata ha ceduto in prestito Ayman Sanat in Serie D, al Lentigione del patron Alfredo Amadei, dove ritroverà gli ex compagni granata della scorsa stagione Gabriele Piccinini, Giuseppe Palmiero e Matteo Rossi.

Il classe 2002 aveva raccolto soltanto un minuto in campo nella sfida di Coppa Italia contro la Juventus Under 23, dunque il club ha preferito, vista anche l’ampiezza del reparto avanzato in casa granata, trovare una sistemazione temporanea in cui il giocatore possa trovare minuti e fare esperienza sotto la guida di mister Francesco Salmi.