Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
11 mag 2022

Poviglio, la sindaca si dimette: verso il commissariamento

Il Comune in crisi economica, è stata silurata dalla sua stessa maggioranza. "Risponderà chi di dovere..."

11 mag 2022
Cristina Ferraroni, sindaca di Poviglio
Cristina Ferraroni, sindaca di Poviglio
Cristina Ferraroni, ormai ex sindaca di Poviglio
Cristina Ferraroni, sindaca di Poviglio
Cristina Ferraroni, sindaca di Poviglio
Cristina Ferraroni, ormai ex sindaca di Poviglio

Reggio Emilia, 11 maggio 2022 - "Fare la sindaca per quasi tre anni è stata una bella avventura". L’incipit amaro, anzi amarissimo, della ormai ex sindaca di Poviglio Cristina Ferraroni ha lasciato di stucco chi ieri, in tarda serata, è incappato nel suo post su Facebook. E’ il messaggio d’addio di chi si sente sconfitto dai propri alleati. E che apre la strada al destino più nero: il commissariamento del Comune, con ogni spesa straordinaria congelata e una tensione crescente nel Municipio.

Ecco le sue parole pubblicate su Facebook, quasi di getto: "E’ stata un’avventura dura, pesante, impegnativa ma un percorso che mi ha fatto sentire tanto vicina la mia cittadinanza e con tanto arricchimento personale – premette Ferraroni – Mi spiace non aver potuto terminare il mio percorso, ma quando una squadra non ti riconosce quale loro figura di riferimento ,nonostante l’impegno costante messo, è inutile proseguire".

La squadra, ça va sans dire, è la sua maggioranza, che in passato ha dato infinite gatte da pelare al primo cittadino del Comune della Bassa."L’amaro è per i cittadini, i miei cittadini, ebbene sì lo dico ancora, spero mi sia permesso ancora per qualche ora, che non potranno avere tutte le cose promesse – continua piena di sconforto – I commissari non fanno bene a nessun ente, e nemmeno ad uno con una situazione economica difficilissima".

Una situazione già segnalata più volte dalla Corte dei Conti e che è finita anche oggetto di una interrogazione specifica in Regione da parte di Fratelli d’Italia. "Risponderà chi di dovere alla gente, ai cittadini per la scelta che ha portato a questo. Buonanotte a tutti". Un messaggio che sa di presagio di sventura per un Comune che non aveva mai vissuto una situazione simile.

s. m.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?