Gli agenti della Polizia civile mentre eseguono i rilievi sul luogo dell’investimento (foto Filippo Pruccoli)
Gli agenti della Polizia civile mentre eseguono i rilievi sul luogo dell’investimento (foto Filippo Pruccoli)

San Marino (Rimini), 12 febbraio 2019 - Ha sbattuto con violenza la testa sull’asfalto e le sue condizioni sono apparse subito gravissime. E’ in fin di vita un uomo di 69 anni, originario di Pesaro, titolare di un’azienda con sede a San Marino che, ieri mattina intorno a mezzogiorno, è stato investito sulle strisce pedonali all’altezza del confine di Dogana.

L’uomo stava attraversando la Superstrada quando è stato centrato in pieno da un camion con targa italiana, guidato da un uomo di 49 anni, di Meldola, che stava procedendo in direzione Rimini. Un impatto violentissimo. L’uomo è volato per qualche metro ed è ricaduto a terra sbattendo la testa sull’asfalto. Immediata la richiesta di soccorso. I primi ad arrivare al confine di Dogana sul luogo dell’incidente sono stati gli agenti della Guardia di Rocca che hanno usato il defibrillatore per cercare di rianimarlo.

Operazione poi continuata dai medici del 118, prima della corsa disperata verso l’ospedale di Stato. Le condizioni dell’imprenditore sono apparse subito gravissime e nel primo pomeriggio i medici dell’ospedale del Titano hanno deciso per il trasferimento in elisoccorso al Trauma center dell’ospedale Bufalini di Cesena. A Dogana, assieme ai soccorsi, anche gli uomini della Polizia Civile per ricostruire la dinamica del tragico incidente.

Il traffico sulla Superstrada è stato deviato per consentire alle forze dell’ordine di effettuare i necessari rilievi. Sotto shock, sentito dagli agenti della Polizia Civile, il conducente del camion con targa italiana ha dichiarato di non essersi proprio accorto di quell’uomo che stava attraversando la strada. «Mi ero spostato in corsia di sorpasso, ho controllato gli specchietti per vedere che non arrivasse nessuno da dietro – ha spiegato disperato agli agenti – e non sono riuscito a vederlo».

L’autocarro, che trasportava materiale ospedaliero, è stato posto sotto sequestro. L’incidente di ieri riporta d’attualità l’ormai tristemente nota polemica sulla pericolosità degli attraversamenti a raso sulla Superstrada, soprattutto nella zona di Dogana.