Rimini, i bagnini prendono le misure per gli ombrelloni
Rimini, i bagnini prendono le misure per gli ombrelloni

Rimini, 25 maggio 2020 - Una spiaggia da vivere di giorno e di sera. Dove poter pranzare e cenare sotto l'ombrellone, ma a debita distanza. Sono tante le novità contenute nell'ordinanza balneare firmata oggi dal Comune di Rimini.

Una delle principali, già anticipata nei giorni scorsi dall'assessore Roberta Frisoni, riguarda la superficie minima da riservare a ogni ombrellone. Per la Regione bastano 12 metri quadrati a ombrellone, RImini invece ha deciso di allargare gli spazi e impone una superficie minima di 18 metri quadrati.

Nel dettaglio, la distanza tra le file parallele alla battigia non potrà essere inferiore a 5 metri, quella tra le file perpendicolari dovrà essere di almeno 3,5 metri. Una deroga è stata concessa ai bagni dall'1 al 10 di Marina centro, dove la spiaggia è meno profonda: qui basteranno 15 metri quadrati a ombrellone.

Fase 2 spiagge, Rimini torna agli anni Cinquanta

image

Altra importante novità destinata a rivoluzionare la vita di spiaggia riguarda gli orari degli stabilimenti balneari, che dovranno consentire la permanenza dei clienti e l’utilizzo dei servizi almeno fino alle 22.

"L’ampliamento serale - osserva l'assessore Frisoni - coniuga l’esigenza di garantire maggiore disponibilità di spazi all’aperto all’opportunità di incrementare l’offerta turistica e i servizi a disposizione dei bagnanti, consentendo ad esempio la possibilità di fermarsi anche per la cena". E per incentivare pranzi e cene sotto l'ombrellone, l’ordinanza consentirà a tutti i pubblici esercizi, i ristoranti e le attività alimentari di consegnare cibo ai clienti della spiaggia con il servizio di delivery. Andranno usati piatti, bicchieri o altro realizzati con materiale compostabile monouso, di carta, o altro materiale plastico lavabile. Sì perché Rimini proseguirà anche quest'anno il suo impegno per una spiaggia plastic-free: confermato il divieto di vendita di bevande in bicchieri di plastica usa e getta, così come la distribuzione ai clienti di bicchieri e cannucce in plastica usa e getta. Confermato anche il divieto di fumare sulla battigia. Le nuove regole hanno fatto storcere il naso a parecchi bagnini, ma per ora si parte con queste norme.

Intanto gli operatori sono al lavoro per riuscire ad aprire finalmente gli stabilimenti il 30 maggio.