Bologna, 13 ottobre 2016 – In arrivo l’edizione 2016 della Festa internazionale della Storia: dal 15 al 23 ottobre Bologna sarà al centro degli studi in questo campo, con un importante programma di eventi e conferenze aperte al pubblico. Venerdì 21 ottobre il Premio Le Goff sarà consegnato ad Antonio Paolucci, direttore dei Musei Vaticani.

Organizzata dall’Alma Mater, la rassegna è arrivata alla tredicesima edizione e avrà come tema “La Storia, patrimonio dell’umanità”. Come da tradizione, l’evento inaugurale sarà la rievocazione storica del “Passamano per San Luca”, la lunga catena umana che nel 1677 permise la costruzione dell'omonima Basilica.

Gli studenti delle scuole bolognesi vestiranno infatti i panni dei cittadini che in quell’epoca trasportarono sul Colle della Guardia i materiali destinati al nuovo edificio. Alle 9 del mattino i partecipanti inizieranno a disporsi lungo le arcate del Portico di San Luca assegnate dall'organizzazione e alle 10 sarà tagliato il nastro che darà il via alla festa.

In calendario sabato, tra gli altri eventi, una mostra fotografica con scatti di William Vivarelli e una sulle pergamene e la storia dell’abbazia di Santa Lucia di Roffeno, un incontro alla scoperta della cripta di San Pietro nell’omonima cattedrale bolognese, una conferenza sull’arco di Matilde al municipio e una visita guidata a Monte sole, attraversando i borghi di San Martino e Caprara fino al cimitero e alla chiesa di Casaglia.

Domenica 16 ottobre sarà la volta degli incontri sul tema “Il paesaggio fa storia” a Villa Spada e al Museo Lazzarini, nonché al museo del Patrimonio industriale, a Palazzo Grassi e in numerosi altri luoghi pubblici felsinei. Programma completo: www.festadellastoria.unibo.it.