Bologna, 23 settembre 2017 - Di chi sono le dita misteriose, e un po' inquietanti, poggiate sulla spalla destra di Francesco Critelli? Indice e medio sono stati dimenticati da chi ha usato Photoshop per cancellare il legittimo proprietario delle dita dai manifesti della campagna elettorale di Critelli - in corsa per la conferma a segretario del Pd - che tappezzano i circoli del partito.

 "Il manifesto è stato fatto così di proposito - precisa in serata lo staff di Critelli - per la campagna 'Io sto con Francesco'". In parole povere, l'immagine sarebbe stata studiata per essere sagomata e permettere, a chi vuole, di abbracciarla per farsi una foto col segretario, a supporto della sua candidatura. La figura, assicurano, sarà messa a disposizione dei vari comitati di zona che sostengono la corsa di Critelli al congresso.

Critelli ha lanciato la sua candidatura dal circolo Arci di via Bellaria, a San Lazzaro, replicando con durezza agli "attacchi fratricidi che sto subendo da due mesi". Fra i bersagli del segretario uscente, il sindaco Virginio Merola e Luca Rizzo Nervo, che ha lasciato la giunta comunale per correre per la segreteria. Critelli ha invece fatto esplicite aperture a Piergiorgio Licciardello, il terzo candidato al momento in corsa.

Il confronto tra i candidati alla segreteria Pd al Carlino 

RIZZO NERVO - Luca Rizzo Nervo ha lanciato la propria candidatura a segretario del Pd rispondendo con un tutto esaurito al sold out registrato in mattinata dall’avversario Critelli. In serata, quasi 400 sostenitori dell’ex assessore si sono seduti a tavola alla ‘Casa dei popoli’ di Casalecchio per la prima tappa di una campagna elettorale che si annuncia tesissima. Rizzo Nervo ha così presentato il suo ‘Patto con gli iscritti’.