Pesaro, 2 luglio 2014 - Luca Varani sarà sottoposto a perizia psichiatrica per valutare se può o meno rimanere in cella. Il gip di Pesaro Maurizio Di Palma, il giudice che condannò Varani a 20 anni di carcere per esser stato il mandante dell'agguato con l'acido a Lucia Annibali, ha autorizzato la perizia psichiatrica.

Servirà a verificare se lo stato psicofisico di Varani (attualmente detenuto a San Vittore) è compatibile col regime carcerario. La difesa ha presentato una richiesta di arresti domiciliari in una struttura sanitaria di Riolo Terme all'indomani del tentato suicidio di Luca Varani avvenuto nel carcere di Teramo per il quale è stata depositata agli atti una perizia di parte del professor Ariatti di Bologna che constata l'incompatibilità in cella.

La difesa di Lucia Annibali oltre che la procura ha contestato questa esigenza spiegando in base ai verbali della direzione carceraria di Teramo, che il tentativo di suicidio appare molto dubbio. Di fronte al dubbio, il giudice Di Palma ha stabilito oggi di conferire (lo farà lunedì 7 luglio) alla dottoressa Maria Teresa Ferla primario psichiatrico dell'ospedale di Garbagnate milanese, l'incarico di sottoporre a perizia Luca Varani per valutarne la compatibilità psicofisica col regime carcerario.