E’ Marco Tiranti il candidato sindaco scelto dal Partito Democratico e da tutta la Sinistra di Castelfidardo per le elezioni in autunno. Alla presentazione ufficiale ieri, a suo sostegno, c’erano i consiglieri comunali di Pd-Bene in Comune Enrico Santini e Lara Piatanesi, poi Giacomo Circelli per Uniti e attivi, Emilio Romagnoli per la Sinistra unita...

E’ Marco Tiranti il candidato sindaco scelto dal Partito Democratico e da tutta la Sinistra di Castelfidardo per le elezioni in autunno. Alla presentazione ufficiale ieri, a suo sostegno, c’erano i consiglieri comunali di Pd-Bene in Comune Enrico Santini e Lara Piatanesi, poi Giacomo Circelli per Uniti e attivi, Emilio Romagnoli per la Sinistra unita e Mattia Magagnini per Azione civica solidale. "Sono nato nel 1963 e sono imprenditore della fisarmonica. La mia prima esperienza politica risale al 1995, anno nel quale ho ricoperto il ruolo di consigliere comunale dopo la mia iscrizione al PDS nel 1994 – ha detto Tiranti -. Per più di vent’anni inoltre il mio impegno si è rivolto a migliorare il benessere della nostra comunità attraverso il lavoro e l’impresa, un impegno che ho portato avanti prima come presidente della Cna di Castelfidardo e poi come presidente provinciale della Cna, come presidente della consulta economica di Castelfidardo e della Società Regionale di Garanzia Marche. Il mio nome è stato portato dal Pd e condiviso da tutti, una squadra preparata per amministrare perché a Castelfidardo c’è bisogno di una politica di alto livello". Mano al programma dunque: "Ci troveremo sicuramente a far fronte alla sfida dell’emergenza sanitaria in primis, occorre dunque proteggere gli anziani e garantire la scuola in presenza e in sicurezza ai giovani. Vogliamo creare un’azione collegiale con le Amministrazioni comunali vicine per spingere la Regione a ultimare l’ospedale di rete. Per quanto riguarda il lavoro, a giugno ci sarà lo sblocco dei licenziamenti, per questo vorremmo aprire un tavolo di confronto con i sindacati. Ci piacerebbe far nascere una scuola professionale per fisarmoniche, non è più rimandabile. Sarà creato l’assessorato alle Manutenzioni".