Sante Stangoni, sindaco di Acquasanta Terme, ha giudicato positivamente la decisione di spostare il avanti l’appuntamento con le urne: "Credo cambi poco. Sicuramente le motivazioni che hanno portato a questa decisione sono valide, soprattutto se si pensa al rischio di assembramenti nei Comuni più grandi chiamati al voto". Infatti ad Acquasanta, come altrove, il numero dei potenziali elettori è contenuto: "Per i paesi più piccoli, come il nostro, sarebbe cambiato poco ma credo sia una scelta giusta anche in considerazione del peggioramento dell’andamento epidemiologico a cui stiamo assistendo in queste settimane".