Bologna, 17 dicembre 2016 – Sono già stati 14mila i bolognesi e i turisti che hanno voluto andare a visitare il Nettuno ‘malato’ durante lo spettacolare restauro alla realizzazione del quale hanno contribuito con tanta generosità i lettori de il Resto del Carlino.

Il lungo restauro che porterà il simbolo della nostra città al suo antico splendore ha subito un rallentamento . "Dai sopralluoghi compiuti durante il restauro - spiegano i tecnici - si è riscontrato un forte degrado sugli ancoraggi verticali e orizzontali all'interno del Nettuno e diverse criticità di adesione delle lastre in pietra al basamento in mattoni. Inoltre l’attacco della statua è costituito da soli due ancoraggi, e pertanto nei confronti di sollecitazioni orizzontali (per esempio i terremoti) l’attacco non presenta lo stesso livello di sicurezza in tutte le direzioni. A seguito della rimozione di alcune stuccature si è manifestata una situazione critica anche in profondità - prosegue la nota - dove sono presenti dei vuoti, con distacchi molto consistenti, (dell'ordine di 5 centimetri) tra le lastre di rivestimento, fessurazioni macroscopiche sulle stesse e danneggiamenti nell'ancoraggio delle parti in bronzo alla parte di marmo". Proseguono invece nei tempi previsti i lavori per la sostituzione del sistema idraulico sotterraneo e del nuovo impianto di illuminazione.

Per tutte queste ragioni, il cantiere resterà aperto fino a settembre 2017. Una buona occasione per chi non lo ha ancora fatto per entrare nella struttura che nasconde alla vista la famosa fontana e trovarsi faccia a faccia con il Gigante.

Le visite guidate, che ad oggi hanno riscosso grandissimo successo con 13.972 visitatori totali, fra visite organizzate e open day gratuiti, proseguono infatti per tutta la durata del cantiere. La visita, come in passato, dura un'ora e sonoammesse al massimo 35 persone per tour. Per questo, è obbligatoria la prenotazione all'info point di Bologna Welcome (in pizza Maggiore, sotto il portico del Podestà). Telefono: 051.239660 – 051.6583111 oppure sul sito

Il nuovo orario invernale (6 gennaio-5 marzo 2017) sarà: venerdì alle 19, sabato e domenica alle 15 e alle 16

Venerdì 6 gennaio la visita si terrà regolarmente.