L’immagine scelta per rappresentare la nona edizione del Festival
L’immagine scelta per rappresentare la nona edizione del Festival

Bologna, 17 maggio 2018 - È tempo di Ricreazione a Smell Festival, che arriva in città dal 24 al 27 maggio. Sarà forse l’umore che porta la nona edizione, quella prima della decima che sarà nel 2019 e che necessita di celebrazioni speciali, sta di fatto che il festival dell’Olfatto, diretto da Francesca Faruolo, vuole promuovere «il desiderio di vivere in modo creativo l’esplorazione olfattiva, lasciando spazio al gioco, alla ricerca e alla meraviglia».

I luoghi centrali per i giorni 26 e 27 maggio saranno quelli del Museo della Musica in Strada Maggiore e collateralmente l’Accademia di Belle Arti che il 24 ospiterà un incontro sull’arte del profumo e il Grand Hotel Majestic, palcoscenico ideale venerdì 25, dal pomeriggio alla sera, per il tradizionale Perfume Showcase, ovvero l’expò di fragranze artistiche quali Autentica di Felsina, BB Fragrance, Dusita, Optico, MonomThe House of Oud e Tonatto con un capitolo dedicato ai profumi sperimentali creati dagli studenti del corso di Smell Atelier, e per l’incontro Tu m’inambri con Paola Goretti e Marco Vidal.

Il percorso quest’anno è costellato da proposte fresche che costruiscono una narrazione fragrante tra passato e presente. Ecco quindi che l’incontro di sabato con Yohan Cervi, critico e redattore di Nez-la rivista olfattiva, lanciandoci l’invito a scoprire Dieci fragranze da sentire prima di morire ci accredita al fantastico ed esclusivo mondo dei nasi, dove arriviamo sul tappeto rosso. Con Anna Messinis, invece, scopriamo la relazione tra Venezia e l’arte profumatoria, con Creezy Courtoy presidente di The International Fragrance Foundation comprendiamo quanto sia importante entrare a contatto col senso olfattivo già da bambini e attraverso la scrittrice Erika Maderna (al Centro Natura il 24/5) la medicina delle streghe.

Due appuntamenti da prenotare (contributo di 12 euro) riguardano: in Let’s eat Fragrances i tre profumieri Cristian Calabrò, Andrea Casotti e Luca Falchetti propongono una degustazione guidata tra le fragranze firmate The House of Oud e materie prime food grade abbinate ai profumi e in Il Volo della Farfalla, Clèlia Prestige ci invita a un ideale picnic all’aperto tra gli odori della natura e quelli appetitosi delle vivande. Nuova proposta del festival che sa splendidamente stuzzicare i nostri sensi è Smell Experience in collaborazione con Moellhausen, riferimento internazionale per le materie prime del settore fragranze e fragrance house, con attenzione speciale all’innovazione e alla ricerca, utile a definire il rapporto tra sfera olfattiva e linguaggio.