Contagi dimezzati nel giro di 24 ore. Ecco i numeri del bollettino Covid: dai 258 di martedì ai 120 nuovi casi di positività di ieri. L’Rt è a 0,74. Tornando indietro nel tempo, si nota che a gennaio ci sono stati alcuni giorni in cui si sono registrati 140 casi, ma bisogna arrivare alla fine dello scorso anno, per la precisione il 29 dicembre, per andare sotto quota...

Contagi dimezzati nel giro di 24 ore. Ecco i numeri del bollettino Covid: dai 258 di martedì ai 120 nuovi casi di positività di ieri. L’Rt è a 0,74. Tornando indietro nel tempo, si nota che a gennaio ci sono stati alcuni giorni in cui si sono registrati 140 casi, ma bisogna arrivare alla fine dello scorso anno, per la precisione il 29 dicembre, per andare sotto quota cento, ossia 80 positivi. Ma anche quello era un periodo di oscillazioni, dal momento che il 16 dicembre i positivi erano 202 e 275 il 9 dello stessi mese.

Risalgono, purtroppo, le vittime, da cinque a tredici. Hanno perso la vita cinque donne dai 69, ai 94 anni e, tra gli otto uomini, il più giovane di 44 anni, residente a Bologna. Gli altri avevano 66 e 76 anni, due di 81 – di cui uno deceduto a Imola e residente a Castel del Rio –. I più anziani avevano 84 anni, due di 86, uno dei quali deceduto a Imola, ma residente a Medicina. Buone notizie dalle terapie intensive dove sono assistiti 90 pazienti, undici in meno del giorno precedente. Tra i 120 nuovi contagi, 31 hanno effettuato il tampone per presenza di sintomi, 20 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing.

Nel frattempo, il sindaco di Calderara Giampiero Falzone ha lanciato un appello ai suoi cittadini per evitare un possibile focolaio: "Si richiede a chi ha frequentato la messa delle Palme di domenica 28 marzo, alle 18 a Lippo di Calderara, di segnalare la propria presenza al numero 0516461240 del Centro operativo comunale o via email a segreteria.sindaco@comune.calderaradireno.bo.it. Su segnalazione del Dipartimento di sanità pubblica, che ringrazio, ci attiviamo subito, senza allarmismi, ma per evitare l’insorgere di un focolaio e – conclude – contenere l’eventuale diffusione del virus, stante l’individuazione di alcuni positivi a questa messa. Chi si segnalerà verrà sottoposto subito a tampone".