Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
19 mar 2021

Iniziata l’autopsia su Morabito Fascicolo per omicidio colposo Amato: "Ma ora senza indagati"

Il vicepreside di Vergato è morto dieci giorno dop la dose di AstraZeneca

19 mar 2021

L’autopsia sulla salma di Giuseppe Morabito, il vicepreside di Vergato morto in circostanze ancora da chiarire e dopo 10 giorni dalla somministrazione del vaccino AstraZeneca, è cominciata ieri. Ma per avere le prime risposte serviranno ancora alcuni giorni.

Approfondisci:

Professore morto a Bologna: il vaccino non c'entra. "Aveva il Covid"

Il fascicolo, affidato al pm Rossella Poggioli, con l’ipotesi di omicidio colposo, al momento non vede nessuna iscrizione nel registro degli indagati come confermato anche ieri dal procuratore capo Giuseppe Amato: "Procediamo per omicidio colposo anche per una scelta inevitabile tecnica, anche perché diversamente non potremmo fare l’autopsia. Ma consapevolmente non ci sono indagati perché non c’è, a oggi, una causa di morte certa e non ci sono ipotesi di responsabilità rispetto all’evento tragico. Per il momento non c’è alcun elemento che possa collegare il decesso al vaccino".

La dose fu somministrata il 3 marzo, "dal giorno dopo – spiegarono al Carlino alcuni colleghi e il dirigente scolastico delle Veggetti di Vergato – non è stato più lui". L’ultimo messaggio, prima della tragedia accaduta tra venerdì e sabato scorso, a una collega: "Non chiamatemi per favore, faccio fatica a rispondere". Mentre il medico di base che gli somministrò il vaccino ha confermato che "quella dose faceva parte del lotto fermato l’11 marzo". L’ultima parola, quella decisiva, ora è attesa dagli esiti dell’autopsia.

n.b.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?