Via Altabella (Foto Schicchi)
Via Altabella (Foto Schicchi)

Bologna, 17 maggio 2017 - Poco prima del week end di Pasqua aveva raccontato ai vicini di casa che sarebbe andata via per una vacanza, e aveva distrutto le cartelle cliniche dei suoi pazienti. Invece la donna di 65 anni, psicologa, che abitava in via Altabella, avrebbe deciso di togliersi la vita dopo aver ucciso anche il suo cane, Bella. Anche se la dinamica degli eventi sembra chiara, il pm ha deciso comunque di disporre l’autopsia sul corpo della donna, morta circa un mese fa. Il corpo è stato trovato ieri.

“Ho cominciato a preoccuparmi all’inizio di maggio quando ho visto che non rispondeva ai miei Sms - ha raccontato la titolare di un negozio che si trova proprio accanto il palazzo dove viveva la donna - Tutte le mattine facevamo colazione insieme e quando andava via ci sentivamo sempre“.

L’allarme è stato dato quando nel palazzo si è diffuso un cattivo odore.

La 65enne conduce una vita solitaria ma tranquilla in compagnia del suo cane, Bella, uno stupendo cane da caccia che lei aveva preso da un canile. Anche l’animale è stato trovato morto e l’ipotesi più probabile è che prima di togliersi la vita ha ucciso l’animale. “Non voleva assolutamente che tornasse a stare in un canile - dicono i vicini“.

Nessuno immaginava che stesse decidendo di farla finita. Anche se nei mesi alcune sue frasi avevano un po’ sorpreso chi la conosceva. Nei giorni precedenti il suo presunto viaggio aveva distrutto tutte le cartelle cliniche dei suoi pazienti che ancora conservava. “Ha portato giù non so quanti sacchi neri pieni di carte - ha raccontato un vicino - mi ha detto che ormai non servivano più“.