Tappa a Tossignano per la XXª edizione dell’Emilia Romagna Festival. Martedì 11, alle 21 in piazza Andrea Costa, in scena l’Aïghetta Quartett. Ensemble composto dai quattro chitarristi François Szonyi, Alexandre Del Fa, Philippe Loli e Olivier Fautrat, con lo spettacolo ‘La chitarra: tra classico e popolare’, incentrato sulle caratteristiche eccezionali del noto strumento. Un sodalizio...

Tappa a Tossignano per la XXª edizione dell’Emilia Romagna Festival. Martedì 11, alle 21 in piazza Andrea Costa, in scena l’Aïghetta Quartett. Ensemble composto dai quattro chitarristi François Szonyi, Alexandre Del Fa, Philippe Loli e Olivier Fautrat, con lo spettacolo ‘La chitarra: tra classico e popolare’, incentrato sulle caratteristiche eccezionali del noto strumento.

Un sodalizio artistico che da oltre trent’anni sfida la critica musicale sul fronte dello stile e dei generi presentando una proposta live dai percorsi inconsueti ed a tratti geniali. Fondato a Montecarlo nel 1979, l’Aïghetta Quartett sboccia definitivamente a livello internazionale nel 1982 grazie all’interpretazione del Concerto Andaluso di Joaquin Rodrigo con la partecipazione dell’Orchestra Filarmonica del nobile Principato. Molte le tournée in Francia, Germania, Inghilterra, Italia e Ungheria con la partecipazione a numerosi programmi televisivi e radiofonici.

Il filone portante è, senza dubbio, la capacità di abbinamento di brani apparentemente distanti ma combinati tra loro per la creazione di un insieme armonioso. Dall’Ouverture del Barbiere di Siviglia di Rossini alla Carmen di Bizet, dal quartetto di Carulli alle Due canzoni da L’opera da 3 soldi di Kurt Weill. Senza dimenticare un Tango ed un Fuego di Philippe Loli ed il Senso di Olivier Fautrat. È vivamente consigliata la prenotazione telefonica (0542.25747) con un massimo di due posti per persona in considerazione delle platee ridotte nel rispetto del distanziamento sociale.

Musica ancora protagonista nella serata successiva, il 12, a Sassoleone grazie alla rassegna ‘In mezzo scorre il fiume’. Alle 21, riflettori puntati su ‘Rumì, viaggio in una Romagna incantata’ di Luisa Cottifogli. Un concerto immerso in suggestive video-installazioni e antichi racconti in grado di unire magicamente suoni contemporanei e parole di un mondo passato. Un progetto insignito del Premio Imola in Musica e nomination al Premio Tenco.

Mattia Grandi