Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
31 mag 2022

"Vi divertite a chiamarmi boss"

31 mag 2022

"Dicono che spaccio e

mi chiamano boss, ma l’unica emozione è che non ce la faccio". Yassin Labidi, ai domiciliari dopo l’operazione antidroga che pochi giorni fa ha coinvolto il Pilastro

di Bologna, affida i propri pensieri ad una lettera che oggi un suo amico

ha letto pubblicamente durante la conferenza stampa organizzata da Potere al popolo (presente anche la

madre di Yaya, Caterina Razza) in piazza Lipparini: cioè a pochi passi dalla palazzina di via Deledda dove vive la famiglia

di Yaya, scenario della celebre citofonata di Matteo Salvini nel 2020.

"Mio fratello è stato preso, mio padre è stato preso, il mio amico è stato preso, tutti i soldi del mondo non pagheranno il dolore, bestie. Chiamatemi boss se questo vi diverte, mani sporche di offerte, sconfitti a braccia conserte. Propaganda, propaganda", gli altri frammenti della lettera.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?