Villalba riaperta ai pazienti Ripartita tutta l’attività chirurgica

Villalba riaperta  ai pazienti  Ripartita tutta l’attività chirurgica

Villalba riaperta ai pazienti Ripartita tutta l’attività chirurgica

La clinica Villalba, in via di Roncrio, ha riaperto ieri mattina dopo tre giorni di chiusura, causati dal maltempo e la conseguente evacuazione dei 50 ricoverati. "Siamo ripartiti a pieno regime con i ricoveri e tutta la chirurgia che, normalmente, viene effettuata nella nostra struttura – afferma Vittoria Lauro, direttrice sanitaria e risk manager di Villalba –. I pazienti del Rizzoli che erano stati riportati nuovamente nell’Istituto, sono rimasti lì, anche perché diversi poi sono stati dimessi. I nostri pazienti, invece, che erano stati ospitati a Villa Torri sono tornati da noi. E tutte le attività sono ripartite. Diverse persone – prosegue la direttrice – hanno chiamato per avere informazioni, trovandoci chiusi per tre giorni, hanno chiamato questa mattina (ieri, per chi legge). Sono in arrivo pazienti per il ricovero nei prossimi giorni ma, l’importante è che tutto sia ripartito e sia posto. E’ chiaro che bisogna riorganizzare tante cose, come normalmente accade dopo le chiusure".

Lauro ha ispezionato clinica, accessi, viabilità tutte le mattine in cui la struttura è stata chiusa lavorando di concerto con il Comune che, come lei stessa riporta, ha fatto di tutto affinché la strada per arrivare non solo fosse in sicurezza ma anche pulita, visto il fango che era sceso con le piogge alluvionali.

Lauro ricordo poi la situazione di un’altra grande clinica associata al gruppo Gvm, Villa Maria Cecilia di Cotignola, nella quale il piano più basso dove ci sono preziosissimi macchinari come risonanze magnetiche e tac, si è allagato. La direttrice sottolinea che Villalba non ha potuto ospitare nessuno dei suoi pazienti in quanto non c’è la cardiochirurgia, ma diversi sono già a Villa Torri.

Monica Raschi