Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
14 giu 2022

Bianca Felicori: "Riscopriamo l’architettura perduta"

La ricercatrice bolognese e il progetto sulle opere dimenticate da 30mila iscritti "È nata una pubblicazione che racconta lo studio, i siti e l’amore per l’arte"

14 giu 2022
francesco moroni
Cultura
Vittorio Giorgini, Casa Saldarini, Piombino (LI),1961-62 (ph. Giorgini)
Bianca Felicori, 29 anni, architetto e ricercatrice
Vittorio Giorgini, Casa Saldarini, Piombino (LI),1961-62 (ph. Giorgini)
Bianca Felicori, 29 anni, architetto e ricercatrice

Bologna, 14 giugno 2022 - Bianca Felicori, di cosa tratta il progetto Forgotten Architecture? "Tutto è nato quando studiavo al Politecnico di Milano e avevo già capito che, non avendo un’indole da progettista classica, con una visione tradizionale insomma, avrei dovuto trovare la mia strada. Ho sempre avuto un grande amore per la ricerca e per la storia dell’architettura e ho iniziato rispolverando progetti compiuti, ma dimenticati, per un motivo o per un altro". Può un semplice messaggio tra amiche dare vita a una community online di appassionati di architettura, che conta oggi quasi 30mila iscritti? L’idea di Bianca Felicori, poliedrica mente bolognese di 29 anni, architetto e ricercatrice all’università cattolica di Bruxelles, era nata con la volontà di creare un gruppo su Facebook per rispolverare opere architettoniche finite nel dimenticatoio o, addirittura, mai arrivate al grande pubblico: dalla stazione di servizio ‘Aquila’, di Aldo Favini, a Sesto San Giovanni, alla Casa a Lissone di Milano di Alberto Salvati e Ambrogio Tresoldi. E ancora: California, Beirut, Napoli. Un semplice WhatsApp che ha trasformato un’idea in realtà, e anche di più. Perché Forgotten Architecture – il nome del progetto parla da sé – è andato oltre, tanto da diventare una pubblicazione (edita da Nero Editions e curata dalla stessa Felicori) e ora anche un evento, sabato dalle 19 alle 24: il primo mai organizzato nell’edificio più iconico del progetto, la Casa Albero di Giuseppe Perugini a Fregene (Roma), in collaborazione con Carhartt WIP. Ma com’è possibile che opere così affascinanti siano state messe da parte? "Diciamo che la storia dell’architettura tende a dare tagli diversi in base al Paese di appartenenza: mi sono accorta che stavo studiando a malapena il 30% del panorama del Novecento. Così ho cercato di unire il mio spirito estremamente comunicativo e predisposto alla condivisione all’interesse personale". ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?