Bologna, 16 novembre 2019 - Due anni dopo; tra obiettivi raggiunti, rilanci sul futuro e un'immancabile festa. Sono passati 24 mesi dall'apertura, il 15 novembre 2017, di Fico Eataly World, il parco agroalimentare che, fin qui, ha attirato oltre 5 milioni di visitatori. Un traguardo, questo, al quale per il 20% hanno contribuito gli ospiti stranieri e che rappresenta l'8% del totale dei turisti passati da Bologna nelle ultime due annate. Altri dati salienti, poi, riguardano i 448 eventi culturali organizzati dalla Fondazione Fico e i 130mila alunni di scuole di ogni ordine e grado che hanno preso parte alle attività formative, oltre ai 300mila frequentatori di corsi e percorsi gastronomici e culturali a pagamento.

LEGGI ANCHE Fico punta sull'estero: "Nuova offerta turistica nel 2020"

Per festeggiare come si deve la ricorrenza, allora, nella Giornata mondiale della Dieta mediterranea che cade proprio oggi, il parco ha annunciato che dal 7 dicembre apriranno le attrazioni del neonato Luna Farm, con le divertenti giostre in stile fattoria, e che, tra un anno esatto, gli spazi di via Canali diventeranno lo sfondo di Food2050, una due giorni internazionale sul futuro del cibo.

Inoltre, mentre 150 chef dell'Alleanza Slow Food dei Cuochi già scaldavano le padelle per le creazioni che nobiliteranno i menu dei ristoranti di Fico fino a stasera, ha fatto capolino pure un monumento al tortellino ideato, con tanto di riproduzione della ricetta originale in pergamena, dalla Dotta Confraternita che tutela il re dei primi piatti petroniani.