Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
19 mag 2022

Patty Pravo a Bologna, una vita controcorrente

Stasera al Duse con il suo ’Minaccia Bionda’: parole e musica dalla Londra psichedelica al Piper

19 mag 2022
pierfrancesco pacoda
Spettacoli
Patty Pravo al Teatro Duse porta il suo nuovo spettacolo ’Minaccia Bionda’, che è anche il titolo della sua autobiografia
Bologna, Patty Pravo al Teatro Duse porta il suo nuovo spettacolo
Patty Pravo al Teatro Duse porta il suo nuovo spettacolo ’Minaccia Bionda’, che è anche il titolo della sua autobiografia
Bologna, Patty Pravo al Teatro Duse porta il suo nuovo spettacolo

Bologna, 19 maggio 2022 - Patty Pravo è stata davvero, per l’Italia alle soglie del boom economico, una ‘Minaccia Bionda ’, come recita il titolo della sua biografia. La cantante della ‘Bambola ’ e di tante altre canzoni che sono entrate stabilmente nella cultura pop nazionale, sarà questa sera al teatro Duse (via Cartoleria 42, ore 21) con uno spettacolo che prende il nome proprio dal libro. Una serata tra parole, video e musica, con la voce narrante di Pino Strabioli . Signora Pravo, quando si è accorta di essere una ‘minaccia bionda’? "Negli anni 60, la rivoluzione sociale e culturale della quale sono stata protagonista era vissuta in maniera inconsapevole. Io ero destinata a una carriera di virtuosa della musica classica. Mia nonna volle che studiassi pianoforte al Conservatorio, le mie radici sono nelle partiture, dalle opera da camera a quelle contemporanee. Poi feci un viaggio a Londra, mi ritrovai coinvolta nell’esplosione della stagione della psichedelica, dove sembrava che un altro mondo fosse possibile, c’erano le feste, la libertà assoluta, suoni che non avevo mai ascoltato prima. Quello fu l’inizio". Da Londra a Roma. "Ho fatto un viaggio contrario ai pellegrinaggi hippy di quelli anni, quando da tutta Europa i miei coetanei raggiungevano Londra, affascinati dal mito di Carnaby Street. Io, con gruppo di amici, presi un vecchio Maggiolino e partii per Roma, perché avevamo sentito parlare di un club che stava dissacrando tutte le regole. E volevo vivere quella esperienza nella mia nazione". Quel locale era il Piper... "Se per una volta possiamo usare la parola ‘leggendario’, è proprio per definire il Piper . Era successo un fatto senza precedenti: per la prima volta l’Italia era in perfetta sintonia, anzi spesso anticipava, con quello che avveniva nelle capitali della ribellione giovanile. E il Piper divenne la mia ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?