Quotidiano Nazionale logo
3 mar 2022

Federalberghi: "Servono più lavoratori stranieri"

Il presidente Pasini: "Sono molto importanti per il turismo e sono sempre meno. Urgono passi concreti"

Leandro Pasini (a sinistra) e Alfonso Maini presidente e vice di. Federalberghi
Leandro Pasini (a sinistra) e Alfonso Maini presidente e vice di. Federalberghi
Leandro Pasini (a sinistra) e Alfonso Maini presidente e vice di. Federalberghi

di Giacomo Mascellani "Le disponibilità dei lavoratori stagionali stranieri sono gravemente insufficienti per riuscire ad avere i dipendenti necessari a condurre le attività turistiche, occorre cambiare politica e fare passi concreti". Con queste parole Leandro Pasini, presidente di Adac Federalberghi, interviene su un problema molto sentito in riviera nelle ultime estati e che quest’anno corre il rischio di essere ancora più complicato. Già la scorsa estate è stata veramente dura, con tanti alberghi, stabilimenti balneari, ristoranti, bar e persino negozi, in difficoltà enormi. "Anche quest’anno si ripete lo stesso copione - incalza Pasini -, e il numero totale di stranieri extracomunitari che possono fare ingresso in Italia per lavoro stagionale è sempre più basso, visto che le province di Forlì-Cesena e Ravenna hanno ottenuto soltanto 100 quote. Non è possibile far fronte ad uno dei più grossi ed annosi problemi come quello relativo alla carenza di personale addetto alle strutture ricettive, se non ci sono risorse umane". Il fabbisogno delle imprese alberghiere della provincia di Forlì-Cesena, espresso dall’Associazione degli albergatori di Cesenatico attraverso Federalberghi nazionale, lo scorso anno era pari a 2.000 lavoratori stagionali e 200 non stagionali. Quest’anno, su 28.000 quote da distribuire in tutta Italia previste nel decreto flussi, 13.700 sono state destinate al settore agricolo e a quello turistico-alberghiero, ma con l’attribuzione di sole 100 quote sul nostro territorio, non è stata assolutamente recepita l’ingente richiesta di manodopera presentata dalle associazioni di categoria. Sull’argomento interviene anche il vicepresidente dell’Adac Alfonso Maini: "La manodopera italiana è insufficiente, quella comunitaria nel corso degli anni è diminuita vertiginosamente, pertanto per poter aprire le nostre strutture abbiamo bisogno di un cospicuo numero di lavoratori extracomunitari". I primi problemi sono all’orizzonte già il prossimo mese: "A Pasqua molte delle strutture ricettive di Cesenatico non apriranno - prosegue Maini - a causa della ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?