Angelini e Patrignani festeggiano la promozione a Giulianova il 5 maggio scorso. Ora le strade si dividono
Angelini e Patrignani festeggiano la promozione a Giulianova il 5 maggio scorso. Ora le strade si dividono

Cesena 28 maggio 2019 – Ormai era scontato, ora c’è anche l’ufficialità: Giuseppe Angelini e il Cesena, terminata la stagione (venerdì alle 15.30 si torna in campo a Foligno per la semifinale della poule scudetto contro il Lecco), divideranno le proprie strade. In mattinata è avvenuto l’incontro tra la società e il tecnico: le parti hanno deciso in maniera consensuale di non proseguire il rapporto per la prossima stagione. Non sarà dunque Angelini a guidare il Cesena nel prossimo campionato della serie C, ma un posto nella storia bianconera l’ha comunque guadagnato con pieno merito: per tutti e per sempre sarà stato lui a condurre nuovamente la squadra tra i professionisti nell’alba della rinascita del Cavalluccio dopo il fallimento. «Ad Angelini il Cesena Fc intende esprimere una profonda gratitudine per il decisivo contributo dato alla vittoria del campionato di serie D, rinnovando l’apprezzamento per le qualità umane, oltre che professionali, dimostrate durante il suo mandato» questo il grazie, dovuto e meritato, della società bianconero al tecnico rilasciato mediante un comunicato ufficiale. ‘Mister promozione’ parlerà giovedì in occasione della classica conferenza stampa pre-partita, in vista dell’impegno contro il Lecco. Di conseguenza, ora parte la ‘caccia’ al nuovo allenatore: Alfio Pelliccioni ha già avuto diversi contatti e ha diversi nomi sul taccuino. Il ds infatti ha già parlato con Giuseppe Scienza che però domani si incontrerà con la società Monopoli, l’incontro si terrà a Bari, che è pronta ad offrirgli un rinnovo del contratto. Non è scontata la firma, però l’ostacolo è economico: il Monopoli offre a Scienza circa 60mila euro, l’offerta bianconera sarebbe invece più bassa. Un’alternativa è Paolo Bianco, che in serie C ha allenato Siracusa (molto bene) e Sicula Leonzio (dopo un buon avvio, una serie di risultati negativi ha portato alle dimissioni), ma si valutano anche i nomi di Mauro Zironelli (potrebbe andare al Padova con Sogliano), Francesco Modesto e Michele Marcolini.

Gianluca Mariotti