Soccorsi notturni (foto d’archivio)
Soccorsi notturni (foto d’archivio)

Civitanova, 28 giugno 2021 - Aggressioni, risse, incidenti ed eccesso di alcol nel primo sabato senza coprifuoco anti Covid. Civitanova invasa da migliaia di persone l’altra notte e si sono concentrate soprattutto sui lungomare nord e sud e in centro. Locali pieni e tutti davanti alla tv fino al triplice fischio della partita vinta dagli azzurri contro l’Austria, poi gran parte del popolo della notte si è riversato in strada. Tra l’entusiasmo per i gol di Chiesa e Pessina, qualche bevuta di troppo e la voglia di tornare a fare l’alba, c’è stato un da fare pazzesco per le forze dell’ordine e per il 118 e la Croce Verde. L’episodio più grave, l’aggressione a un 25enne fabrianese. Con alcuni amici aveva scelto Civitanova per trascorrere la serata e divertirsi e invece è finito all’ospedale con ferite al volto e traumi alla testa. Ha denunciato di essere stato preso a calci e pugni da tre giovani nella zona del porto. Intorno alle quattro, assieme agli amici stava rientrando a casa in macchina quando lungo la statale, nel tratto di via De Amicis, hanno deciso di portarlo al pronto soccorso. Era messo male ed era rischioso non farlo vedere subito da un medico. Ai carabinieri ha poi riferito l’accaduto. Sono in corso le indagini per risalire ai tre che, secondo il suo racconto, lo avrebbero pestato sferrandogli anche calci alla testa e per chiarire le cause.

Un’altra rissa, intorno alle due della notte, ha coinvolto dei giovani sul litorale sud, tra gli chalet Lido Cristallo e Solemar. Ci ha rimesso una donna che è stata ferita durante i tafferugli e ha riportato delle contusioni non gravi. All’arrivo dell’ambulanza ha detto che stava bene e si è rifiutata di farsi accompagnare all’ospedale. Di lei si son occupati gli agenti della pattuglia del commissariato di Civitanova. Superlavoro per chi ha dovuto garantire la sicurezza l’altra notte e soprattutto per gli operatori del soccorso con l’equipaggio della Croce Verde che ha effettuato interventi in serie per prestare assistenza nella serata e nella notte. C’è stato anche un giovane che, finita la partita, ha attraversato la strada davanti allo stabilimento balneare Hosvi sul lungomare nord ed è stato investito da una macchina. Fortunatamente non ha riportato conseguenze gravi. Solo contusioni lievi per lui. Si è invece procurato un brutto trauma facciale un altro ragazzo che, dopo aver alzato un po’ troppo il gomito, è salito sul suo monopattino elettrico di cui ha perso il controllo andando a schiantarsi contro una macchina parcheggiata e si è procurato diverse ferite al volto. Città in ogni caso invasa da gente fino all’alba, auto parcheggiate ovunque e difficoltà per i mezzi del soccorso a farsi largo tra la folla e tra le auto per intervenire sui luoghi delle chiamate. La solita movida accompagnata da alcol, da tanta inciviltà.